Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Stadio del ghiaccio e genitori scontenti, la replica (e lo sfogo) dell'assessore Galli

 

L'assessore allo Sport del Comune di Como ha indetto una conferenza stampa per replicare punto su punto alle accuse che gli sono piovute addosso a causa dell'inagibilità del palazzetto del ghiaccio di Casate che avrebbe costretto l'Hockey Como a mandare a monte, o meglio, a non organizzare, il torneo Gosetto. L'assessore Galli, dopo essersi scusato per i disagi causati dalle necessarie manutenzioni e interventi di miglioramento e messa a norma dello stadio del ghiaccio, ha rispedito al mittente molte delle accuse lanciategli. Gli ha fatto eco il sinda Mario Landriscina. Tra le righe è sembrato poter leggere una contro accusa: forse l'Hockey Como ha deliberatamente deciso di non organizzare il torneo per altri motivi? Infatti, secondo Galli i tempi per poter consentire, a seguito di interventi, di organizzare il torne c'erano, a patto di consentire l'apertura degli spalti per un massimo di 99 persone.
Galli ha poi ricordato che nel 2017 sono stati stanziati e spesi 105mila euro per interventi al palazzetto di Casate e che altri 181mila euro saranno investiti in interventi da qui ad agosto, suddivisi in tre lotti di lavori (spogliatoi e tribuna).

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento