Pedro Sousa vincitore del torneo di tennis Challenger di Como 2017

Titolo conquistato ancora una volta da un non italiano

Premiazione Challenger Città di Como 2017

La finale di tennis Challenger Città di Como 2017 che si è disputata domenica 3 settembre 2017 ha visto trionfare, ancora una volta, un non italiano. Il vincitore è il portoghese Pedro Sousa.

Un corpo a corpo a rete tra Pedro Sousa e Marco Cecchinato, decide la 12esima edizione del Challenger Atp “Città di Como”. E ancora una volta l’Italia, che non vince questo torneo stregato per gli azzurri dal 2006 (Simone Bolelli al termine di una combattutissima finale con l’indimenticato Federico Luzzi), rimane a bocca asciutta. 

Ad alzare al cielo il trofeo lariano è stato il portoghese Sousa, testa di serie numero 4, che quest’anno aveva già battuto Cecchinato in semi a Francavilla. Anche allora la partita era stata decisa in tre set proprio come questa volta, con il punteggio conclusivo di 1-6 6-2 6-4.

Un match combattuto soprattutto nell’ultima frazione, in cui l’azzurro era avanti di un break (3-1). Sousa, come del resto in tutta questa settimana, non ha mollato un punto, è risalito 3-3 e nel braccio di ferro finale l’ha spuntata con il break proprio all’ultimo, quando Cecchinato sul 4-5 serviva per rimanere nel match. 

Applausi dunque al portoghese, che allunga la striscia di successi sulla terra a dieci match (ha vinto in Repubblica Ceca a Liberec e ora a Como), quattordici su quindici se si considera la finale persa a Tampere in Finlandia. Sousa, insomma, sta attraversando il miglior momento della sua carriera. 

Una vittoria non banale visto che il tabellone aveva riservato al lusitano, tifosissimo del Benfica, una marcia complicata: il “caldo” Elias Ymer all’esordio, poi l’idolo di casa Andrea Arnaboldi, il campione uscente Kenny De Schepper e, ieri, l’astro nascente Corentin Moutet. In tre incontri tra l’altro, finale compresa, Sousa ha vinto in rimonta dopo aver perso il set iniziale. Segno di una solidità mentale notevole.

“Voglio congratularmi comunque con Marco Cecchinato per questa finale – ha detto Pedro Sousa al termine – E’ stata una settimana meravigliosa, in un posto bellissimo che mi ha accolto e in cui spero di poter tornare anche l’anno prossimo”.
“Grazie per avermi tifato per tutta la settimana”, ha invece commentato Cecchinato rivolto al pubblico e poi, scherzando, guardando il direttore del torneo Paolo Carobbio, si è scusato per aver perso la seconda finale in due anni. “Questo Challenger secondo me è uno dei migliori, per questo voglio ringraziare tutte le persone che ci lavorano. Speriamo un anno di riuscire anche a vincere. Complimenti a Sousa”.

Alla premiazione era presente il sindaco di Como, Mario Landriscina: “Grazie a chi da anni rende possibile questo torneo – ha commentato il primo cittadino – ma grazie anche al pubblico, ai giocatori, e ai tanti ragazzi e bambini che ho visto presenti in questi giorni”. 
“Di solito in questi momenti si ringraziano gli sponsor – ha chiosato il presidente del Tennis Como, Chiara Sioli – Ma oggi voglio invece ringraziare tutti voi che avete riempito gli spalti. Lavoriamo duro per portare avanti questa tradizione, e la vostra risposta di oggi ci emoziona e ci spinge ad andare avanti”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Risultato

Finale torneo di singolare: Perdo Sousa (Por, 4) b. Marco Cecchinato (Ita, 1) 1-6 6-2 6-4.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

Torna su
QuiComo è in caricamento