Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pallacanestro Cantù, i tifosi incontrano la squadra

“Abbiamo voluto provare a creare un momento distensivo”. E' questo il motivo alla base dell’aperitivo organizzato questo pomeriggio a Cucciago dalla tifoseria della Pallacanestro Cantù, a cui ha partecipato tutta la squadra al completo. Al bar...

“Abbiamo voluto provare a creare un momento distensivo”. E' questo il motivo alla base dell’aperitivo organizzato questo pomeriggio a Cucciago dalla tifoseria della Pallacanestro Cantù, a cui ha partecipato tutta la squadra al completo. Al bar “Senso Unico”, il clima era disteso e cordiale: i tifosi hanno passato il pomeriggio a parlare con i giocatori della squadra, a scattare foto, a bere qualche aperitivo e a conversare liberamente. Non è stata invitata la dirigenza. Che la Lenovo Cantù da qualche tempo non goda di ottima salute sul campo di basket non è un segreto per nessuno. Sui motivi di questo scarso rendimento, naturalmente si può solo azzardare qualche congettura. Nonostante le sconfitte subite sul campo, però, la tifoseria c’è e cerca di dimostrare il proprio affetto incondizionato ai giocatori che sembrano aver gradito l’iniziativa: “Il nostro obiettivo è quello di arrivare fino in fondo e ottenere i migliori risultati possibili”, spiega Francesco Marabito, uno degli organizzatori della tifoseria. Gli fa eco un compagno di battaglie, Chicco Tagliabue: “Puntiamo allo scudetto, possiamo fare grandi cose insieme”. La speranza, dunque, c’è ed è l’ultima a morire. Giogio Meroni, sottolinea: “Abbiamo capito le difficoltà vere. Noi comunque vada, vinciamo, non abbandoneremo mai i giocatori. Questo deve essere da parte di tutti. Su qualcuno abbiamo dei dubbi”. E su questi dubbi, Luciano Zanfrini, spiega: “Più che di dubbi, si potrebbe parlare di situazioni un po’ anomale. Abbiamo di sicuro giocatori che non rendono quanto dovrebbero. Abbiamo voluto provare a creare questo momento distensivo e provare a ritrovare una serenità che pare non esserci più in campo”.

Si parla di

Video popolari

Pallacanestro Cantù, i tifosi incontrano la squadra

QuiComo è in caricamento