Sport

Lenovo Cantù sconfitta a Roma in gara 2 delle semifinali

Niente da fare anche in gara due delle semifinali di basket. La Lenovo perde ancora al Palatiziano (74-68) e adesso si trova sotto 0-2 nella serie con Roma. Proprio come era successo contro Sassari. Ma stavolta il doppio svantaggio brucia perché i...

Niente da fare anche in gara due delle semifinali di basket. La Lenovo perde ancora al Palatiziano (74-68) e adesso si trova sotto 0-2 nella serie con Roma. Proprio come era successo contro Sassari. Ma stavolta il doppio svantaggio brucia perché i canturini probabilmente potevano fare di più. Ma tant'è. Fra 48 ore la serie di sposta al Pianella di Cucciago dove la musica, si spera, sarà diversa.

Inizio di gara due completamente diverso da quello di tre giorni fa: Roma è più in partita e Cantù meno determinata. Ne consegue che il tempo è in costante equilibrio fino ai sette punti di fila di capitan Mazzarino che sparigliano il punteggio e portano avanti i brianzoli i quali chiudono la frazione sul 24-17.

La Lenovo, anche stavolta, sembra poter controllare la gara, ma non è così. Infatti in apertura va sul +9 prima di farsi rimontare, come è ormai sua abitudine, dall'Acea che fa leva soprattutto sull'atletismo di Lawal. A un 6-0 per i ragazzi di Trinchieri fa riscontro un analogo parziale dei romani che ricuciono lo strappo fino al 30-34 del 16'. Cantù si scuote, trova un paio di iniziative di Ragland e chiude per l'intervallo con una tripla dall'angolo di Aradori che fissa il punteggio sul 42-34 per gli ospiti.

Si ricomincia e Cantù allenta la presa sotto canestro pagandone le conseguenze: dal 44-34 per i brianzoli si passa al 46-45 di metá frazione con un parziale di 2-11. La Lenovo spreca l'impossibile ma per sua fortuna l'Acea non ne approfitta sbagliando più volte il tiro del sorpasso. Leunen è una controfigura e Tyus anche peggio. Roma impatta sul 50-50 per un tecnico fischiato alla panchina di Cantù. La partita diventa un festival degli errori e si gioca a chi sbaglia meno. A castigare i canturini pensa Czyz (!) con cinque punti di fila e l'Acea chiude il tempo sul 55-50 con un parziale del terzo quarto di 21-8 a suo favore.

Il canestro per Cantù diventa una terra promessa anche a inizio dell'ultima frazione con Trinchieri che deve dare panchina a Ragland che raggiunge i quattro falli rischiando di far spegnere definitivamente la luce. Sul 62-53 per i romani, i brianzoli finalmente si scuotono dal torpore e infilano un parziale di 6-0 prima di subire una bomba di Datome da distanza siderale. Roma è inguardabile, Cantù ha sbaglia meno e pareggia sul 65-65 quando il cronometro segna poco più di due minuti alla fine. A 60 secondi dalla sirena Mazzarino segna il canestro del sorpasso, ma dall'altra parte Lawal fa lo stesso. Cantù sbaglia l'ennesima conclusione e poi commette fallo in difesa con Taylor che fa 1/2 dalla lunetta. Due rimbalzi offensivi di Roma chiudono definitivamente la gara che termina sul 74-68 per l'Acea.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lenovo Cantù sconfitta a Roma in gara 2 delle semifinali

QuiComo è in caricamento