La Guderzo: “Questa tappa comasca? Da interpretare”

“Una tappa dura e impegnativa, da interpretare”. Così ai microfoni di QuiComo la campionessa del mondo di ciclismo, Tatiana Guderzo, ha commentato poco prima della partenza la tappa comasca del Giro Donne. Le 111 concorrenti sono partite alle 11...

“Una tappa dura e impegnativa, da interpretare”. Così ai microfoni di QuiComo la campionessa del mondo di ciclismo, Tatiana Guderzo, ha commentato poco prima della partenza la tappa comasca del Giro Donne. Le 111 concorrenti sono partite alle 11.45 da piazza Cavour, Como. Per la prima volta in assoluto una appa di questa competizione parte dal capoluogo del Lario, sino al piccolo grande paese di Albese con Cassano, che ha dato natali, vita ed origini a Fabio Casartelli, che troppo presto è venuto a mancare proprio in sella ad una bicicletta.“Per la città si tratta di un’importante occasione di visibilità – ha commentato l’assessore allo Sport di Como Stefano Molinari - e l’impatto sulla viabilità sarà limitato”.

Il percorso - E’ una tappa difficile con vette da scalare con forza e decisione. Si costeggia il Lario fino a Nesso, poi si sale fino al Pian Tivano. Si scollina in località Colma, poi una la lunga discesa fino a Lecco. Le atlete percorreranno di nuovo la litoranea fino a Bellagio per poi affrontare la salita del Ghisallo dove Nicole Cooke nel 2004 firmò la vittoria di tappa ed il successo nel Giro prima della passerella finale al Castello Sforzesco di Milano. E dove nel 2006 Edita Pucinskaite vinse il primo dei suoi due Giri d’Italia femminili. Il Ghisallo sarà il trampolino per le fuggitive verso la conclusione di Albese. In attesa del finale, questa potrebbe essere una tappa di decisa scrematura per la classifica generale.

Si parla di

Video popolari

La Guderzo: “Questa tappa comasca? Da interpretare”

QuiComo è in caricamento