Il Como alla ricerca disperata di una vittoria contro il Modena. Ultima occasione per Sabatini

Como-Modena: non una semplice partita di campionato. Una rivalità che dura da quasi vent’anni e fa riaffiorare molti ricordi nei tifosi comaschi, con risse fuori dal campo e negli spogliatoi. Indimenticabile purtroppo è quella domenica di quel...

 

Como-Modena: non una semplice partita di campionato. Una rivalità che dura da quasi vent’anni e fa riaffiorare molti ricordi nei tifosi comaschi, con risse fuori dal campo e negli spogliatoi. Indimenticabile purtroppo è quella domenica di quel famoso pugno sferrato negli spogliatoi dal capitano del Como Max Ferrigno a quello del Modena Bertolotti. Era la stagione 2000/2001 e qualcosa ovviamente da li si incrinò definitivamente. Ma domani il Como cerca la vittoria, e la cerca disperatamente. La classifica piange, e dice: ultimi in classifica con 6 miseri punti . Sabatini lo sa che quello di domani è per lui il match decisivo, se arriverà un’altra sconfitta sarà costretto a salutare la panchina comasca. “ Giunti a questo punto credo che i tre punti siano l’unico risultato possibile. Stiamo giocando anche bene, ma subiamo dei gol davvero incredibili, con delle disattenzioni che non possiamo permetterci. Continueremo con il 4-4-2, perché ho visto che la squadra lo sta metabolizzando bene e ci sono i giocatori adatti. So benissimo che la partita di domani sarà fondamentale anche per il mio futuro, mi sono ritrovato diverse volte in questa situazione. Affrontiamo una squadra molto difficile da leggere, anche loro come noi sono stati colpiti da una serie di infortuni pesanti e per questo hanno cambiato schema di gioco. Noi abbiamo diversi problemi in difesa: Cassetti non si è allenato e Ambrosini si porta dietro ormai da tempo un brutto fastidio alla gamba, quindi siamo in un pochino in emergenza”. L’appuntamento è dunque per domani pomeriggio alle ore 15 allo stadio Sinigaglia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento