Martedì, 21 Settembre 2021
Sport

Como-Livorno, una sfida d'altri tempi in campo e fuori

C’era una volta Como-Livorno. Sabato finalmente tornerà di attualità una rivalità che sfociò alla fine degli anni ‘90, diverse idee politiche, lotte in campo e soprattutto fuori. L’apoteosi si raggiunse con i playoff della stagione 2000/2001 con...

Como-Livorno, una sfida d'altri tempi in campo e fuori

C'era una volta Como-Livorno. Sabato finalmente tornerà di attualità una rivalità che sfociò alla fine degli anni '90, diverse idee politiche, lotte in campo e soprattutto fuori. L'apoteosi si raggiunse con i playoff della stagione 2000/2001 con un doppio confronto che vide i lariani pareggiare in Toscana e vincere al Sinigaglia per 1-0 con gol di Carruezzo. In curva si respirava un'aria di sfida autentica che in quegli anni si poteva sentire solo se dall'altra parte del campo si vedevano Modena o Varese. C'erano i BFC a comandare gli ultras azzurri, gruppo storico e molto compatto che si sciolse perché colpito da numerosi daspo.

Tante furono però le pagine di cronaca scritte in quegli anni, ogni volta che le due formazioni si incontravano succedeva praticamente di tutto. I primi veri screzi nacquero il 16 novembre del 1997, quando i tifosi comaschi distrussero una palestra all'interno dello stadio amaranto e crearono diversi disordini. Di conseguenza anche al ritorno in terra comasca la città fu messa a ferro e fuoco dalle due tifoserie rivali con feriti e danni. Da lì ogni Como-Livorno, fino al 2001 quando la squadra azzurra salì in B proprio ai danni dei toscani, era sempre una partita a rischio e molto sentita dai tifosi delle due squadre.

Le società si ritrovarono in serie B nel 2003/2004: le vicissitudini però dell'era Preziosi avevano smorzato gli animi dei supporters comaschi e infatti la squadra retrocesse piazzandosi ultima, mentre gli amaranto, allenati da Walter Mazzarri, chiusero il campionato in terza posizione e centrarono la promozione in serie A. Ora, finalmente, a distanza di dieci anni ci si rivede; forse non c'è più quel calore che avvolgeva questo match, sabato si giocherà a Novara e non sarà la stessa cosa che essere al Sinigaglia ma almeno, si spera, non ci saranno problemi di ordine pubblico. E comunque sia, per i tifosi che hanno vissuto quegli anni di rivalità, Como-Livorno non potrà mai essere una partita come le altre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como-Livorno, una sfida d'altri tempi in campo e fuori

QuiComo è in caricamento