rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Calcio

Il DG del Como Women, Miro Keci è entusiasta: "Contro l’Inter è stata una grande emozione"

Nel frattempo, le lariane stanno preparando il prossimo match contro il Parma

Il pareggio contro l’Inter è ormai alle spalle ed il Como Women ha già ripreso ad allenarsi per focalizzarsi al 100% sulla prossima gara, contro il Parma.

Quella della scorsa domenica, però, non è stata una partita come tutte le altre, soprattutto per il direttore generale del Como Women, Miro Keci, che è tornato ad affrontare il club di cui è stato dirigente fino al 2021. Una gara, dunque, vissuta con una passione e un coinvolgimento diversi, come da lui stesso ammesso: “Andare a giocare a Milano contro l’Inter è stata una grande emozione; ho ancora molti amici lì e conservo un ottimo ricordo dei miei anni nel club nerazzurro. Poi però, ovviamente, al fischio d’inizio l’emozione e l’amicizia non contano più e quello che importa è solo competere per la vittoria”. Una vittoria che le comasche non sono riuscite ad ottenere, riuscendo però a portare a casa un soddisfacente pareggio: “Penso che le ragazze abbiano dato il massimo e devo far loro i complimenti. Hanno offerto un’ottima prova in campo, hanno dato il 100% e non posso che ritenermi soddisfatto”.

Soddisfazione certo, anche se il Como ha dato la sensazione di poter puntare a qualcosa di più del semplice pareggio, anche in virtù della rete annullata a Kubassova nel secondo tempo: “Gol annullato regolare? Beh, io in diretta mi sono accorto subito che Vlada era in linea e il gol era buono. Purtroppo questo episodio non ci ha premiati, com’è successo anche altre volte in stagione. C’è rammarico perché nel corso del campionato è capitato in diverse occasioni che le decisioni arbitrali ci penalizzassero. La spiegazione che mi do? Penso che siamo una squadra giovane, l’unica neopromossa in Serie A e durante le partite vedo che le avversarie sono un pizzico più maliziose di noi, mentre noi non riusciamo a esserlo. Fa parte del percorso di crescita e le nostre calciatrici devono impararlo”, afferma il dg.

Decisioni arbitrali, dunque, ma anche poca convinzione delle calciatrici nel perseguire il proprio scopo in ogni modo: “Vorrei ricordare che lottiamo per un obiettivo importante, cioè la salvezza, e perciò vogliamo essere tutelati affinché i nostri sforzi sul campo non vengano resi vani dalla direzione di gara. Detto questo, chiudo il discorso perché non mi piace parlare di arbitri e non l’ho mai fatto. La società Como Women accetta le scelte arbitrali e non è nello stile del club lamentarsi delle valutazioni del direttore di gara. Personalmente ho massimo rispetto per gli arbitri e gli assistenti, che nella nostra categoria sono spesso ragazzi molto giovani. Sono sicuro che scendono in campo per dare il massimo nel loro lavoro, e ovviamente anche a loro capita di sbagliare”.

Errori che tutti si augurano non avvengano nella prossima importantissima sfida contro il Parma al Tardini: “Sarà uno scontro diretto importante, in uno stadio fantastico, uno di quelli che ci deve render fieri di giocare in Serie A. Il Parma è una squadra forte a mio avviso, con calciatrici di ottima qualità in rosa. Speriamo di vedere una grande partita domenica”, conclude Keci.

(Comunicato Stampa Como Women)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il DG del Como Women, Miro Keci è entusiasta: "Contro l’Inter è stata una grande emozione"

QuiComo è in caricamento