rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Basket

Cantù esulta ancora: si va a Gara 5

L’Acqua San Bernardo batte ancora la Givova Scafati e allunga la serie. A Desio finisce 77-68

Cantù fa il suo dovere e lo compie alla grandissima. Gara 5 doveva essere e Gara 5 sarà: i biancoblù vincono la seconda partita consecutiva della serie, ribaltando, di fatto, lo zero a due iniziale conquistato da Scafati. La finale del Tabellone Argento di A2, dunque, si deciderà in terra campana, al PalaMangano; quinto e ultimo confronto in programma martedì 14 giugno, alla squadra vincitrice la promozione in Serie A. 

LA CRONACA

Alla palla a due grandi cambiamenti nei quintetti da ambo le parti: Cantù parte con Vitali, Allen, Severini, capitan Da Ros e Bayehe; in sostanza, Vitali dal primo minuto al posto di Bucarelli e non Bryant. Dovendo convivere con gli acciacchi di Clarke e Daniel, gli ospiti schierano da titolari le novità Cournooh e De Laurentiis; i due completano lo starting five gialloblù assieme a Monaldi, Ikangi e Cucci. 

A metà della prima frazione è Scafati a condurre il gioco, avanti 6 a 2 in un avvio un po’ teso per questioni di nervi e complicato dal punto di vista produttivo. Un gran bel gioco da tre punti di Da Ros, completato dalla lunetta dopo un fallo subito, riequilibra le cose in men che non si dica. Nuovo tentativo di allungo scafatese grazie a due triple consecutive del veterano Monaldi, che proietta la squadra ospite sul “doppiaggio”; 7-14 a tre dalla fine. Ad accorciare le distanze ci pensa un Nikolic sempre più in forma smagliante; 14-18 al 10’. 

Pronti, via: i campani vanno avanti di tre possessi ma, ancora una volta, è Nikolic a dare fiducia all’attacco canturino. Tuttavia, la contro risposta gialloblù è immediata: ancora Cournooh caldissimo, un classico degli ex. Una super giocata di Bryant, però, dona linfa a tutta la squadra e ai tifosi sugli spalti; Cantù torna a un solo possesso dai campani. 21-24 al 14’. Scafati è lesta a tornare avanti di tre possessi anche se, tre, sono anche i falli spesi da Ikangi, prontamente richiamato in panchina da coach Rossi. Un Bryant e un Da Ros indemoniati spianano la strada alla rimonta brianzola, con i padroni di casa avanti meritatamente al 20’. 33-31 all’intervallo lungo.

Il secondo tempo si apre con un PalaDesio vestito a bolgia: tre azioni consecutive sbattono Scafati alle corde, sotto per la prima volta di otto punti. Allen, Bayehe e Da Ros, in sequenza, permettono alla S.Bernardo di allungare con grande impeto. Al rientro in campo dopo la breve pausa Cantù continua a macinare punti con un pimpante Bayehe, nonostante l’ennesimo guizzo di Cournooh. Doccia gelata in casa Acqua S.Bernardo: Severini richiamato in panchina per via del suo quarto fallo personale con 16’ ancora da giocare. Al 26’ ci pensa Stefanelli a innescare l’effetto “Pianella”, con una tripla che consegna a Cantù i dodici punti di vantaggio. 51-39. La distanza tra le due squadre si fa ancor più corposa, con Bryant autore di un canestro pazzesco che lancia i biancoblù avanti di quindici. Al 30’ i padroni di casa sono avanti 60-49.

Il quarto e ultimo periodo vede i brianzoli scappare nuovamente sul +12; 64-52 al 32’. Due minuti più tardi Bucarelli ha tra le mani la tripla del potenziale +14 ma il ferro sputa fuori un pallone che sembrava già dentro; nel frattempo gli ospiti hanno l’occasione di ritornare a tre possessi da Cantù dopo diversi minuti. De Laurentiis dall’angolo accorcia: al 35’ campani a -6. Succede di tutto: altri tre punti scafatesi con Cucci e squadre adesso divise da un solo possesso. 66-63 a quattro minuti dalla conclusione. Cantù ribalta in un amen la situazione, tornando avanti di nove e tirando un sospiro di sollievo. A un minuto dalla fine Allen si inventa la giocata della partita, un canestro impressionante, per difficoltà di esecuzione. 74-66 al 39’, titoli di coda in arrivo. Finisce 77 a 68. Decisivo Bayehe con una “doppia doppia” da 16 punti e 12 rimbalzi; da menzionare anche gli 8 assist a referto di Vitali (pallacanestrocantu.com).

Acqua S.Bernardo Cantù-Givova Scafati 77-68

( 14-18, 19-13; 27-18, 17-19)

Cantù: Stefanelli 13, Bryant 10, Vitali 2, Nikolic 6, Borsani n.e., Da Ros 14, Bucarelli 2, Cusin 6, Bayehe 16 , Allen 8, Severini, Tarallo n.e. All. Sodini

Scafati: Clarke 3, Cournooh 10, Cucci 9, Rossato 4, Daniel n.e., Ikangi 2, Monaldi 17, De Laurentiis 17, Grimaldi n.e., Perrino n.e., Mobio 2, Parravicini 4. All. Rossi

Arbitri: Ursi, Puccini e Perocco

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantù esulta ancora: si va a Gara 5

QuiComo è in caricamento