Sport

Basket, un'altra vittoria per Cantù: Sassari battuta al Paladesio

Conferma per la Red October: 102-96

Dopo un sorprendente girone di andata il ritorno inizia al PalaDesio proprio contro la squadra estromessa dalla Coppa Italia grazie alla preghiera di Thomas in quel di Brindisi. L'assenza per infortunio di Burns costringe Sodini a mischiare le carte e mentre tutti si aspettano un quintetto con l'eroe di Brindisi, Thomas, il coach preferisce prima Raucci e poi Maspero nel ruolo di ala forte e utilizza l'americano come alternativa al centro Crosariol.

Un bel test per Cantù priva di uno dei suoi giocatori più importanti. L'avvio è equilibrato e a ritmi elevati e il primo riposo si chiude con gli ospiti avanti di un canestro nel finale (21-24). Equilibrio che la fa da padrone anche nel secondo quarto con quintetti meno improbabili e le due squadre che si caratterizzano nei rispettivi punti di forza e debolezze. Così se Cantù vive delle fiammate dei suoi esterni e qualche buon pallone appoggiato a Crosariol, Sassari domina a rimbalzo con il solo Chappel capace di contestare qualche pallone sotto i tabelloni. La pausa lunga vede le due squadre sul 41 pari e una vittoria ancora tutta da costruire con la Red October che deve fare i conti con tre falli di Thomas.

Torna in campo Raucci e Sassari allunga quasi subito costringendo anche Crosariol a tre falli consecutivi e Sodini a optare per un quintetto con Chappel in ala forte. Sembra l'occasione buona per la fuga di Sassari che difendendo a zona complica la vita al gioco di Cantù che perde fluidità, ma sono ancora i fischi arbitrali a caricare questa volta i sardi costringendo Pasquini a panchinare con 4 falli prima Jones e poi Planinic. Ti aspetti il rientro di Cantù, ma i rebus offensivi non trovano facile soluzione e il Banco di Sardegna prova a scappare chiudendo il terzo quarto avanti di 9 punti (57-68).

E' ancora Chappel nell'ultima frazione di gioco a cercare di tenere nel mirino i sardi a suon di triple e rimbalzi, ma ad ogni allungo canturino Sassari risponde con protagonisti anche improbabili come Tavernari mantenendo il vantaggio di partenza. Cantù non ci sta e prova a restare attaccata alla partita riuscendo a poco meno di 4 minuti dalla fine a tornare a -3 (76-79) costringendo gli ospiti a un time-out. La sfida è aperta, frontale e ogni azione sembra potere essere decisiva, da una parte e dall'altra. Una tripla di un Polonara liberissimo a 2'28 dalla fine questa volta costringe Sodini a richiamare la squadra in panchina sul 78-85. E' ancora un fischi arbitrale a riaprire la partita con un tecnico alla panchina che inverte il possesso palla restituendola alla Red October ed oltre al libero messo a segno d Smith da la possibilità a Parrillo di centrare la tripla del sorpasso (86-65). Sul ribaltamento di fronte è lo stesso Parrillo a fare fallo, ma Pierre realizza soltanto il primo dei due liberi, mandando di fatto le due squadre ai supplementari sul punteggio di 86-86.

Ormai è battaglia aperta e le squadre cominciano a perdere pezzi. Crosariol non gioca nemmeno un minuto del supplementare facendo il qinto fallo e a ruota lo segue Planinic. Thomas dalla lunetta due volte di fila  prova ad allungare (91-88), m è ancora una tripla di Parrillo a segnare la gara (94-88). Sono ancora i fischi arbitralia riaprire la gara. Fallo e tecnico a Chappel che regala 3 tiri e un canestro a Sassari (94-93). Le squadre si alternano in lunetta. Smith fa due su due, De Vecchi sbaglia il primo (96-94). Pierre risponde a Culpepper (98-96). L'ultimo minuto viene inaugurato da Chappel (100-96). Ancora un fallo tecnico, questa volta a Spissu, ma sbaglia il libero. E' il possesso palla che ne segue a  chiudere la partita con l'ero del match, Chappel che realizza il 102-96 che sarà il risultato ad andare a referto.
Vittoria che conferma il valore della Red October che senza una delle sue punte di diamante ha la meglio su una diretta avversaria (ormai si parla solo di play-off e non di salvezza) confermando la forza di un gruppo che non smette di stupire.

Red October Cantù 102: Smith 23, Culpepper 13, Pappalardo ne, Cournooh 3, Parrillo 11, Tassone, Crosariol 14, Maspero 2, Reucci, Chappel 22, Thomas 14. Coach: Marco Sodini
Banco di Sardegna Sassari 96: Spissu 5, Casula ne, Bamforth 8, Planinic 19, De Vecchi 1,  Pierre 26, Jones 2, Stipcevic ne, Hatcher 10, Polonara 14, Picarelli ne, Tavernari 14. Coach: Federico Pasquini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket, un'altra vittoria per Cantù: Sassari battuta al Paladesio

QuiComo è in caricamento