Sport

Basket, Cantù combatte ma non ce la fa: sconfitta da Milano

Il derby al Paladesio finisce 98 a 93

Pallacanestro Cantù contro Milano

Cantù-Milano non è mai una partita come le altre. Prevalere per le due società che hanno casa a una quarantina di chilometri una dall'altra è sempre stata questione di vita o di morte (negli anni è arrivata a valere perfino una Coppa dei Campioni)  ma anche quando in palio ci sono soltanto i due punti il derby ha un peso specifico sulla stagione che nessuna altra partita può avere. 
Quest'anno poi in quel di Firenze è stata proprio Cantù a sbarrare la strada alla "vincibile armata" di Pianigiani ribaltando ogni pronostico ed ogni logica e regalando la più grande soddisfazione stagionale (per ora) ai tifosi brianzoli.

Pallacanestro Cantù contro Milano-3

Da quella gara sono ripartiti i 6.297 spettatori entrati al Paladesio per la replica della sfida, con la Mia Cantù a sfoggiare la maglia speciale (ma in negativo) utilizzata in Toscana e decisa a combattere per ripetere il miracolo guadagnando punti preziosi nella corsa play-off e ripetere la fiondata precisa che aveva permesso ai Davide canturini di stendere il Golia con le scarpette rosse.

Quando il divario tra le forze è tanto ampio non resta che affidarsi all'animo combattivo di questa Cantù che ancora una volta da questo punto di vista non è stata deludente. Dopo una partita tutta a rincorrere con un divario che è arrivato anche a toccare il -17 Cantù non si è mai data per persa  tanto ad arrivare a poco più di 2 minuti dalla fine a -4 (85-89) con Culpepper a tentare la tripla del -1 che viene risputata dal ferro con la guardia americana che ricade male sulla caviglia ed è obbligato a vedere la fine dalla panchina.

Pallacanestro Cantù contro Milano-2Sul ribaltamento entra la tripla di Milano (92-85), ma Goudelock si fa fischiare un tecnico e concede a Cantù di avvicinarsi (92-86). Sembra la svolta della gara, con Smith che si guadagna un nuovo viaggio in lunetta, ma questa volta l'emozione o la stanchezza lo tradiscono e dallo 0-2 nei liberi del playmaker nasce il contropiede con tripla che di fatto chiude la gara (86-95). Non basta la forza d'animo canturina ad emergere in un finale concitato che non premia l'ottimo atteggiamento dei padroni di casa che pagano una prima metà gara troppo morbida (50 i punti subiti) che ha vanificato l'ottima seconda parte di gara. Si chiude 93-98, ma il PalaDesio più bello degli ultimi anni non lesina applausi ai suoi beniamini.

Red October Cantù 93: Smith 26, Culpepper 20, Pappalardo ne, Cournooh 3, Parrillo, Tassone ne, Crosariol ne, Maspero ne, Chappel 20, Burns 16, Thomas 17, Ellis 1. Coach: Marco Sodini

EA7 Milano 98: Goudelock 22, Bortolani ne, Pascolo ne, Tarczewski 5, Kuzminskas 10, Cinciarini 11, Cusin ne, Abass 6, M'Baye 5, Bertans 11, Jarrels 12, Gudaitis 16. Coach Simone Pianigiani

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket, Cantù combatte ma non ce la fa: sconfitta da Milano

QuiComo è in caricamento