Al Pianella compare il procuratore dei coach che contano. A rischio Bazarevich

Che Sergey Bazarevich sia in discussione è chiaro a tutti. Le ultime partite della Vitasnella Cantù hanno fatto arrabbiare non poco i tifosi ma soprattutto la società. Da quando è arrivato il coach russo, la squadra brianzola non sembra proprio...

bazarevich-gen16

Che Sergey Bazarevich sia in discussione è chiaro a tutti. Le ultime partite della Vitasnella Cantù hanno fatto arrabbiare non poco i tifosi ma soprattutto la società. Da quando è arrivato il coach russo, la squadra brianzola non sembra proprio aver fatto quel salto di qualità a differenza del roster che è stato notevolmente potenziato. Attenuanti non ce ne sono: l’allenatore ha avuto il tempo necessario per poter costruire una amalgama solida, ma il bilancio sino a questo momento è fortemente negativo: fuori dalla Fibacup e playoff ancora lontani, quasi irraggiungibili. Eppure, come detto, ora i nomi in squadra ci sono eccome, e presi singolarmente sono di ben altra categoria rispetto, ad esempio, a quelli di Venezia che invece hanno espugnato meritatamente il Pianella sabato scorso. Le acque sembrano muoversi però: infatti ieri durante l’allenamento al Pianella è comparso Virginio Bernardi che si è fermato a colloquio con il Direttore Sportivo Daniele Della Fiori e il vice presidente Andrea Mauri. Per chi non lo sapesse Bernardi è il più importante procuratore italiano soprattutto per quanto riguarda gli allenatori: Trinchieri, Sacripanti, Frates, Sacchetti, giusto per citarne alcuni, fanno parte della sua agenzia. Qualcosa dunque potrebbe bollire in pentola, anche perché ormai conosciamo bene, nonostante sia qui da poco, come è fatto Gerasimenko.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento