Cronoscalata Erba-Madonna del Ghisallo: successo per le auto d'epoca

Vince la coppia Bonfante-Bruno su Fiat 1100/103 del 1956

Giornata meteorologicamente perfetta quella che ha accolto la diciottesima edizione della Cronoscalata Erba-Madonna del Ghisallo, domenica 6 ottobre. Infatti il tempo era splendido e sia per gli equipaggi che pilotavano le auto sia per chi si è posizionato lungo il percorso per vederle passare, il sole ha brillato In più, forse non tutti sanno che, i motori delle auto storiche viaggiano meglio in base alle condizioni climatiche, in particolare a influire sulla loro funzionalità sono le temperature, che nel caso di domenica erano all'interno di un range ideali per questi storici bolidi.

Cronoscalata Erba-Madonna del Ghisallo-2019 (2)-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I circa 100 km del tracciato, che ricalcano quasi fedelmente quelli dello storico Circuito del Lario, sono stati percorsi dai 50 equipaggi senza nessun intoppo, permettendo ai piloti di arrivare al traguardo di questa prova di regolarità, valida per il campionato italiano Asi. Ad aggiudicarsi la vittoria è stata la coppia ormai consolidata formata da Mauro Bonfante e Cinzia Bruno, del Veteran car club Como, che guidavano come sempre la loro Fiat 1100/103 del 1956. Ma il presidente del club non si appresta a riposare, ci fa invece sapere che tutto il team sta già lavorando per l'importante Giro del Lario in programma per il giugno 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Omicidio in piazza San Rocco a Como: ucciso don Roberto Malgesini

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Chi era don Roberto Malgesini: un vero prete "di strada", in aiuto dei più deboli

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento