Letture

Fughe da fermo: tre libri da leggere nel weekend

Letture da non perdere: i nostri consigli settimanali

La magia di un libro è anche quella di accompagnarti in altri mondi, di farti entrare in empatia con i suoi protagonisti. Di prenderti per mano e riconsegnarti altrove con la sensazione di aver vissuto un'esperienza nuova da conservare nel tempo. Seppure si legga sempre meno, forse il fine settimana è il momento in cui un buon libro può ancora trovare un posto nei nostri pensieri sempre più digitali. Questa nuova rubrica, Fughe da fermo, il cui titolo si ispira a un vecchio romanzo di Edoardo Nesi, vuole essere quindi uno stimolo a ritrovare il piacere di leggere. Dunque, ogni giovedì vi suggeriamo tre libri per il fine setttimana. Buona immersione tra le nuove pagine di questi libri. 

1 . I'll Follow (Ultra Novel)

Davide Piasentini

follow

“One day you’ll look to see I’ve gone. For tomorrow may rain, so I’ll follow the sun”, cantavano i Beatles negli anni Sessanta. E Davide, uno scrittore disincantato che si è visto passare davanti i suoi giorni di gloria senza quasi rendersene conto, ha sempre creduto nelle immagini e nei sentimenti evocati dalle loro canzoni e ha puntato tutto sull’amore, seguendo la filosofia di pensiero di John Lennon, la sua guida spirituale. Ma quando la relazione con Silvia si chiude improvvisamente, capisce di aver smarrito se stesso da molto tempo. Scende negli abissi della depressione e sviluppa una strana fobia post-traumatica che annulla il suo essere ogni volta che piove. Nel momento più buio, però, ha una rivelazione inattesa e decide di partire per un viaggio esistenziale le cui mete saranno decise esclusivamente dalla luce: seguirà il sole ovunque lo porterà. Con la musica dei Beatles ad accompagnarlo, cercherà di ritrovare lungo la strada i pezzi della propria identità. Quei pezzi che aveva inconsciamente seminato durante tutta la sua vita per assicurarsi una seconda opportunità.

2 . Demon Copperhead (Neri Pozza)

Barbara Kingsolver

david

Questa è la storia di un ragazzo che tutti chiamano Demon Copperhead, un eroe dei nostri tempi. Un ragazzo che può contare solo sulla bella faccia ereditata da suo padre, una criniera di capelli color rame, lo spirito aguzzo e il vizio di sopravvivere. Il suo esordio nell’universo – mamma di diciott’anni che partorisce sola con una bottiglia di gin, anfetamine e oppioidi –, in una casa mobile sperduta negli Appalachi meridionali, dà il la a ciò che verrà dopo. Demon inizia la sua corsa a perdifiato attraverso la vita, sfreccia per le selve oscure dell’affido, del lavoro minorile, delle scuole fatiscenti, fino al sogno, e poi all’ebbrezza del successo atletico, con la conseguente caduta nella dipendenza. Nel mentre, si ossessiona con gli eroi della Marvel, si disegna i suoi fumetti riempiendoli di cattivi veri, si inerpica per le vette vertiginose del grande amore e sprofonda nel dolo - re straziante della perdita. Attraverso tutto questo, Demon deve combattere, armato del suo caustico umorismo e poco altro, con - tro la propria invisibilità in un mondo dove persino i suoi amati supereroi hanno abbandonato le terre selvagge per la città. La sua voce è quella di una generazione di ragazzi perduti, nati in posti splendidi e maledetti che neanche per un istante concepiscono di abbandonare. Ma Demon è un combattente, un sopravvissuto, come era un sopravvissuto David Copperfield nella sua disgraziata Londra. Barbara Kingsolver si ispira all’opera iconica di Dickens con questo romanzo vincitore del Pulitzer, ambientato nel Sud degli Stati Uniti, per gettare luce sulle vite marginali di oggi, con la stessa rabbia, la stessa profonda compassione. La stessa fiducia nel potere di trasformazione di una bella storia.

3 . La bibliotecaria di Madrid

Marìa Zaragoza

madrid

Madrid, 1939. La città intera è scesa in piazza per la Giornata nazionale del libro. Ma nella Spagna franchista, ciò vuol dire che è il giorno in cui i libri devono bruciare. Bruciare un libro significa dare fuoco alle idee, alle speranze e alla vita di chi l'ha scritto. Tina fatica a trattenere le lacrime mentre assiste al rogo. Non può permettere che quella devastazione avvenga davanti ai suoi occhi. Eppure, lei sa cosa deve fare ed è per questo che, incoraggiata da una zia eccentrica, ha deciso di entrare a far parte di una società segreta: l'Associazione della biblioteca invisibile, il cui scopo è preservare i libri e la cultura, sottraendoli alla distruzione politica. Mentre muove i suoi primi passi come bibliotecaria, scopre il fascino di una Madrid nascosta, all'apice del fermento artistico e culturale, e si lascia immediatamente travolgere dai segreti della città e delle persone che ne sono protagoniste: dai poeti spagnoli più famosi a bibliotecari e archivisti che condividono con lei il suo più grande amore. Salvare i libri è più di una passione o un impegno sociale. Salvare i libri è una vocazione, la chiamata che stava aspettando. Ma in un periodo tanto ostile, la missione non è semplice. Tina sa che deve agire a tutti i costi, anche se per farlo dovrà mettere in pericolo la propria vita. La bibliotecaria di Madrid porta con sé un'eroina con una passione così forte da essere contagiosa, in una città che cela una storia tutta da scoprire. Ma soprattutto, tra le righe di questo libro, si rivelano le storie di bibliotecari, archivisti e intellettuali dell'epoca, realmente esistiti, che hanno lasciato un'impronta indelebile nella storia del Novecento. Grazie a loro, oggi possiamo leggere libri che altrimenti sarebbero andati distrutti. E grazie a María Zaragoza, oggi possiamo conoscere la storia di chi li ha salvati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fughe da fermo: tre libri da leggere nel weekend
QuiComo è in caricamento