Mercoledì, 22 Settembre 2021
Segnalazioni

"Il green pass non arriva: siamo equiparati ai no vax per colpa di un inghippo nella burocrazia"

La lettera di un lettore che racconta l'odissea per ottenere il "lasciapassare verde"

Vaccinarsi non è ancora un obbligo, ma se si vuole accedere a tutta una serie di servizi e attività è indispensabile il green pass e quindi la vaccinazione a molti risulta la cosa più semplice (l'alternativa sarebbe sottoporsi a una miriade di tamponi). In provincia di Como, però, sta accadendo spesso che nonostante i requisiti per ottenere la famosa certificazione verde, ad alcuni cittadini non venga rilasciata a causa di qualche inghippo nelle procedure. Colpa di una burocrazia che non riesce ad aggiornarsi con la veloce evoluzione della situazione? La lettera di Daniele di Lomazzo è esemplificativa

La mia storia e quella di mia moglie ha dell'incredibile ma sembra non siamo un caso isolato. Facciamo parte di coloro che hanno avuto il covid tra novembre e dicembre 2020 e abbiamo fatto una sola dose di vaccinazione presso l'hub di VillaErba a maggio 2021 (perchè entro i 6 mesi dal covid è richiesta una sola dose). In tutta questa vicenda il green pass non ci è mai arrivato. 

Non è presente sul sito governativo https://www.dgc.gov.it/ né ovviamente su app immuni o IO o fascicolo sanitario che "ereditano" il green pass dal sito governativo. E' dalla fine di giugno 2021 che chiamiamo i numeri verdi di regione Lombardia che rimbalzano al numero 1500 del governo per ottenere il green pass.

Il numero 1500 ad inizio luglio ci indica di mandare la mail con l'avvenuta vaccinazione alla casella "codice.dgc@sanita.it" e così facciamo l'8 di Luglio 2021 e nessuno risponde a quella mail. Con cadenza settimanale chiamiamo il 1500 e ci dicono che "dobbiamo aspettare"

Infine arriviamo al 26 Luglio e ci dicono che il problema è nei dati ricevuti dall'ATS, così scriviamo una pec all'ATS Insubria il 24 luglio e non ricevendo alcuna risposta ieri, contattiamo l'ufficio protocollo che ci comunica che la pec è in gestione all'Ufficio igiene e pubblica sanità. Contattiamo l'ufficio e ci dicono che non riescono a stare dietro a tutte queste pratiche e di andare direttamente all'hub vaccinale di Villa Erba per verificare i dati. Così ieri (2 agosto, ndr) andiamo all'hub vaccinale di Villa Erba e ci dicono "i dati sono correttamente registrati", poi il ragazzo dice "forse ho capito: prima ci chiedeva una volta la data di guarigione dal covid ed ora ce lo chiede due volte con la nuova release del software, forse era quelloaspettate altri 2-3 giorni e dovrebbe essere okay".

Morale: il 6 agosto entra in funzione il green pass e noi siamo equiparati ai no vax e non possiamo andare in palestra, ristorante ecc. Sistema davvero allucinante anche per chi segue le regole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il green pass non arriva: siamo equiparati ai no vax per colpa di un inghippo nella burocrazia"

QuiComo è in caricamento