rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Segnalazioni

Il carro attrezzi "anti-ticinesi" colpisce ancora ma (forse) è un'ingiustizia: le foto, la multa e il racconto

Il proprietario dell'auto ha dovuto pagare 240 euro: la segnalazione

Ci risiamo: un'altra auto a targa ticinese è stata rimossa a Como, o meglio il carro attrezzi così detto anti-ticinesi si è attivato subito ieri 10 maggio in viale Masia. Qualcosa però, almeno secondo il racconto del proprietario, non ha funzionato perché la segnaletica era posizionata male. Ci fornisce quindi la sua versione, con tanto di foto. Per lui ciò che gli è accaduto è solo un'ingiustizia dettata dalla "caccia alle streghe" messa in atto dal sindaco Rapinese. Il suo racconto. 

Multa salata e carro attrezzi in viale Masia: ma la segnaletica è corretta? 

"Ieri sera verso le 18 ho parcheggiato la mia auto in viale Masia per recarmi dal parrucchiere, dopo circa 20 minuti sono stato chiamato da un amico che passando per caso di lì e riconoscendo la mia auto mi ha avvisato che me la stavano portando via con il carro attrezzi.

A quel punto sono uscito di corsa per capire cosa stesse succedendo e c'erano 3 agenti della polizia locale e 2 persone del soccorso stradale che avevano già spostato la mia auto con un cric e la stavano caricando per portarla via. Ho chiesto agli agenti perché mi stavano portando via l'auto e mi hanno fatto notare che l'avevo parcheggiata in un posteggio riservato ai disabili, ho cercato di fargli capire che non avevo assolutamente visto che fosse un posteggio riservato ai disabili in quanto, come potete vedere dalle fotografie in allegato, il segnale per terra era tutto sbiadito e i cartelli non sono orientati verso il senso di marcia come dovrebbero essere (infatti sempre nella foto si vedono i cartelli dal lato opposto della strada che sono orientati nel verso giusto in modo che chi arriva in quel senso di marcia può vederli).

Come erano posizionati i cartelli-2

Ovviamente, avendo io una targa svizzera, non c'è stato verso di fargli accettare questa giustificazione ed, oltre alla multa di 115 euro, ho dovuto pagare anche 125 euro per l'uscita del carro attrezzi che sicuramente non era uscito apposta visto che in 20 minuti dal momento in cui ho parcheggiato erano praticamente già pronti per caricare l'auto.

Secondo la mia opinione quello che mi è successo ieri è un'ingiustizia in quanto c'è chiaramente una segnaletica non visibile ed installata in modo non corretto, sono assolutamente d'accordo nel multare e rimuovere auto degli incivili che posteggiano dove non dovrebbero ed ho visto molti articoli ultimamente su auto con targhe svizzere che posteggiano in luoghi improbabili, ma ciò che mi è capitato non fa parte di queste casistiche ed a mio pare è solamente il frutto di questa "caccia alle streghe" messa in atto da questo sindaco, che altro non mi pare stia facendo.

PS. date le mie rimostranze ieri agli agenti della polizia locale, che nemmeno mi rispondevano, non mi sorprenderei se già oggi avessero fatto girare i cartelli nel verso giusto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il carro attrezzi "anti-ticinesi" colpisce ancora ma (forse) è un'ingiustizia: le foto, la multa e il racconto

QuiComo è in caricamento