social

Noemí Teruel Serrano, il lockdown dell'artista comasca

I musicisti oggi si ritrovano privati della loro identità, della loro dignità, di qualsiasi prospettiva di futuro

Noemí Teruel Serrano (foto Gin Angri)

Un bellissimo lavoro che racconta attraverso un reportage fotografico la vita di un'artista in pandemia. Un'altra testimonianza - in linea con il nostro progetto ArtUp - di un lungo periodo che ci ha colti alle spalle, impreparati. "Ho fotografato Noemí Teruel Serrano - racconta l'autore degli scatti Gin Angri - durante gli ultimi concerti di Settembre Classico a Villa Imbonati e a Villa Erba a Cernobbio. Tanto pubblico, grande successo, emozioni, applausi e molte idee per il futuro. Ma ancora rieccoci riconfinati nelle nostre menti e nelle nostre stanze. E qui l’idea di Noemi: come raccontare il non avvenuto, il non rappresentato, e come il lockdown si fa strada nelle nostre abitudini. E per Noemi significa ancora musica, studio, concentrazione, tanta lettura e ridisegnare i progetti futuri. Fotografare Noemi è stato facile".

noemi-2

"Questo reportage - racconta Noemí Teruel Serrano - è nato due mesi fa dalla mia volontà di dare testimonianza dell'abisso in cui è sprofondata la realtà di noi artisti negli ultimi mesi. Persone che hanno dedicato la vita a studiare, a prepararsi per svolgere un mestiere già di per sé difficile, e che oggi si ritrovano private della loro identità, della loro dignità, di qualsiasi prospettiva di futuro. Questa mia idea si è potuta realizzare soltanto grazie al lavoro magistrale del fotografo Gian Angri a cui rivolgo il mio sincero ringraziamento per essere entrato nella mia intimità con tanto rispetto e professionalità, ma soprattutto per essere riuscito a ritrarre il silenzio, la solitudine, le emozioni che non trovano più il modo di esprimersi ma anche la speranza con cui ogni giorno continuo, come tanti altri colleghi, a pensare, a immaginare, a studiare la musica".

noemi 10-2

Chi è Noemí Teruel Serrano

Comincia la sua formazione musicale all’età di 5 anni. Dopo aver frequentato i conservatori di Siviglia e Madrid, nel giugno 2010 si diploma con il massimo dei voti e la lode in pianoforte e consegue la menzione d'onore in musica da camera presso il "Real Conservatorio Superior de Madrid" sotto la guida della pianista spagnola Pilar Bilbao Iturburu.

noemi2-2

?Ha partecipato a numerose masterclass e a corsi di perfezionamento pianistico con importanti insegnanti a livello internazionale. Negli anni 2007 e 2008 ottiene per concorso la borsa di studio che il Conservatorio di Madrid concede al miglior allievo della classe di pianoforte, grazie alla quale partecipa negli stessi anni al Festival “From Chopin to Gorecki” presso l'Accademia Chopin di Varsavia,  dove studia sotto la direzione dei pianisti polacchi Jerzy Sterczynski, Andrzej Dutkiewicz e Jan Kalunvinsky. È stata invitata ad esibirsi durante i concerti di chiusura nel corso di entrambe le manifestazioni. Ha partecipato alla Scuola d’Inverno del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca durante l'inverno 2011 dove ha ricevuto lezioni dalla pianista russa Natalia Trull.

noemi3-2

Nell'ambito di altri corsi e meetings pianistici svoltisi in diverse città spagnole ed europee ha studiato con importanti pianisti fra cui  Joaquin Achucarro, Claudio Martínez Menher, Joaquin Soriano, Ramón Coll, Ana Guijarro, Ralf Natkemper, Vsevolod Dvorkin, Marcella Crudeli, Vincenzo Balzani. Durante la sua carriera pianistica ha ricevuto diversi premi in concorsi internazionali, fra i quali: il primo premio nel Concorso Internazionale “Ciudad de Moguer” (2005); il secondo premio nel Concorso pianistico di “El Egido” (2008); il primo premio e il premio speciale musica spagnola nel Concorso Internacional “Marisa Montiel” (2006); il secondo premio al Concorso Internazionale "Ría de Vigo" (2008), il secondo premio nel Concorso di musica da camera organizzato dal Conservatorio di Madrid (2009-2010).

noemi8-2

Svolge un’intensa attività concertistica suonando in sale e teatri di tutta Europa, tra le più importanti: Fundación Eutherpe di León , sala piccola dell'Auditorio Nacional de Madrid, sala Manuel de Falla del Conservatorio Superior de Madrid, teatro della Maestranza di Siviglia, sala Rachmaninov del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, Auditorium dell'Accademia Chopin di Varsavia, Conservatorio di Praga, Sala del Museo Nazionale di Praga, sala Aurora Villa Arese-Borromeo (Cesano Maderno), Villa Tittoni (Desio), Teatro Fumagalli di Cantù, Villa Giuliani (Brunate) Villa Balbianello (Como), Villa Carlotta (Tremezzo), Villa Bernasconi (Cernobbio). 

noemi6-2

Nel maggio 2012 si esibisce a Cantù suonando il secondo concerto per pianoforte e orchestra di Beethoven con l'Orchestra Filarmonica di Bacau diretta da Ovidio Balan. Nel 2011 si trasferisce in Italia per proseguire i suoi studi di perfezionamento con il maestro e concertista russo Vsevolod Dvorkin, allievo di Lazar Berman. Nell'ottobre 2013 è ammessa al Master triennale d'Interpretazione Pianistica presso l'Accademia del Talento a Desio, dove studia sempre sotto la guida del maestro Vsevolod Dvorkin. Agli impegni artistici negli ultimi anni ha affiancato un'intensa attività didattica a Como che le permette di curare la preparazione di oltre 40 allievi di tutte le età e livelli, alcuni dei quali sono già vincitori di concorsi importanti in ambito nazionale e internazionale.

Dal 2015 al 2018 è responsabile artistica di "Arte Solidale Festival", un festival di concerti di beneficenza tenuti presso famose ville storiche situate sulle sponde del Lago di Como. Nel 2018 fonda il "Festival Settembre Classico" che si svolgerà dal mese di settembre 2019 a Villa Imbonati San Fermo della Battaglia, Como ed ospiterà artisti rinomati di livello internazionale.

bb bn villa imbonati _76-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Noemí Teruel Serrano, il lockdown dell'artista comasca

QuiComo è in caricamento