rotate-mobile
social Via Borgo Vico, 111

Mestieri che scompaiono: Eugenio, uno degli ultimi macellai di Como

Una vita in via Borgo Vico: un lavoro iniziato a 14 anni

Tra le tante attività che stanno scomparendo in città, certamente ci sono le macellerie. Oramai si contano sulle dita di una sola mano. Se escludiamo quelli del mercato coperto, che fanno storia a sè, i macellai rimasti i città sono tre: uno in centro storico, uno in via Briantea e uno in via Borgo Vico. Ed è proprio nel vecchio borgo di Como, dove in quanto a cibo non manca nulla, nemmeno un negozio vegano, che siamo andati a trovare Eugenio Riva, 74 anni e una vita trascorsa dietro il bancone della sua storica macelleria, un punto di riferimento per il quartiere ma non solo, visto che i suoi clienti arrivano da tutta la città.

macelleria eugenio2-2

"Ho rilevato questa attività nel 1975, ma avevo iniziato qui ancora prima, a 14 anni, come garzone. Poi ho fatto il militare, sono andato a lavorare in centro e a 26 anni sono tornato in via Borgo Vico per subentrare al vecchio proprietario, il signor Manzoni, che aveva deciso di cessare l'attività. Allora c'erano decine di macellerie in città, ora siamo rimasti solo in tre. Si resiste ma resiste solo chi ha la carne buona, piemontese, galiziana, salumi nostrani. I miei clienti preferiscono magari mangiarne un po' di meno ma vogliono carne di qualità".  

macelleria eugenio.3JPG-2

E insomma Eugenio è al lavoro da 60 anni e ancora alla pensione non ci pensa. E chissà se quando deciderà di smettere ci sarà qualche giovane che, imparato il mestiere, perché quello del macellaio è un lavoro che necessita più di un rudimento, avrà voglia di continuare. Difficile immaginarlo in quest'epoca digitale in cui i mestieri dei nonni sono già stati abbandonati dai figli. Ma chissà mai che non siano i nipoti a rimettere in circolo il sorriso di un negozio sotto casa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mestieri che scompaiono: Eugenio, uno degli ultimi macellai di Como

QuiComo è in caricamento