Lago di Como: la leggenda del Ponte del Diavolo di Lezzeno

Il fascino del mistero e la bellezza del luogo

Ponte del Diavolo, Lezzeno (Foto m/p)

In particolare sulla sponda che corre da Como fino a Bellagio, si respira ancora aria di diavoli e streghe. Basti pensare a Fendin, la canzone di Davide Van De Sfroos ambientata a Torno, e alle tante leggende che ancora aleggiano sul Lago di Como. Tra le più interesssanti e ancora vive nella memoria collettiva dei suoi abitanti, c'è quella del "Ponte del diavolo" di Lezzeno, lungo quel tratto di strada scavato nella montagna che corre come una ferita fino alla "perla del Lario".  

Costruito negli anni che vanno dal 1911 al 1917, diede lavoro a parecchi operai del paese, orgogliosi di aver partecipato a un’impresa necessaria ma difficile e pericolosa, visto che il luogo dove del cantiere era uno strapiombo sul lago quasi inaccessibile. La leggenda narra che durante realizzazione della struttura - così importante per lo scorrimento del traffico proveniente da Como e diretto a Bellagio e viceversa - l’ingegnere responsabile dei lavori, viste le numerose difficoltà incontrate durante la realizzazione - non sapeva più a quale santo rivolgersi.

lezzeno ponte del diavolo2-2

Gli incubi erano tali che una notte gli apparve il diavolo in persona che gli promise di aiutarlo in cambio dell’anima di colui che per primo avesse attraversato il ponte. L’ingegnere, messo alle strette, acconsentì, ma quando tutti i lavori furono terminati si ricordò del patto mefistofelico, ebbe paura e allora pensò di gabbare il demonio facendo correre un cane lungo il ponte dopo avergli lanciato un osso.

Uno degli aspetti più affascinanti del camminare su queste strade dela Lago du Como è quello di ripercorrere tragitti che nei secoli sono stati calcati da piedi nobili,da rozzi scarponi, da zampe o zoccoli di animali, e che hanno contribuito a costruire la storia di questi luoghi. Una di queste vie che emanano ancora lo stuzzicante profumo della scoperta è la Via Regia, che la società archeologica comense qualche anno fa ha valorizzato con segnaletiche semplici ma utilissime per il proseguio del cammino che inizia da Como e si conclude a Bellagio.

Uno dei tratti più incantevoli di tutto il percorso è quello che passa proprio a monte della frazione Villa nel comune di Lezzeno e più avanti, fra rocciosi dirupi osservare dall’alto l’inquietante sagoma del Ponte del Diavolo e provare in quel momento un senso di vertigine di spaesamento in un’ideale congiunzione di terra e acqua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

lezzeno ponte del diavolo3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lettera di un'insegnante del Liceo Giovio che annienta la ministra Azzolina

  • Nuovo Dpcm, la bozza: chiuse le palestre, orario ridotto di negozi, bar e ristoranti

  • Grave al Sant'Anna per covid chiede plasma iperimmune: il comitato etico dice no

  • Nuovo dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18

  • Covid, arriva la stretta su palestre e piscine: le nuove regole

  • Lombardia, Fontana firma la nuova ordinanza: confermato il coprifuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento