rotate-mobile
Magico Lario / Cerano d'Intelvi

Lago di Como: l'eremo di San Zeno dall'alba al tramonto

Vista mozzafiato sul Lario dalla Valle d'Intelvi

Spettacolare punto panoramico della Valle d’Intelvi, la chiesa di San Zeno è situata a ovest di Schignano, per la precisione a Cerano Intelvi. Fu edificata in luogo strategico dominante il lago e la vallata prima dell’anno mille, in periodo ottoniano, su un’area sacra preesistente in vetta al monte Auragio quando si diffuse il culto a San Zenone (vescovo di Verona nel IV sec.) ed è la più antica della valle. Sorse per sciogliere il voto di maestri comacini colti da una burrasca sul lago al largo di Bellagio mentre tornavano dalla costruzione della chiesa di San Zenone a Verona. Di culto antichissimo e aggregante ha sempre avuto la funzione di baluardo di tutta la comunità nel periodo dei transiti carovanieri dalle alpi alla pianura padana. L’edificio aveva la facciata dipinta in rosso ed un castello con campana e venne consacrato nel 1215 dal vescovo Guglielmo della Torre sulle relique del Santo Sepolcro come si legge nelle iscrizioni della lapide di San Zeno (conservata presso il lapidarium vescovile a Como) e fu custodita da monaci eremiti. Dal sec. XV in poi fu abbellita da stucchi, volte, nicchie e da statue e quadri dedicati a San Bernardo, alla Santa Vergine Immacolata e a San Rocco e mantenuta da confraternite. Il Monte San Zeno fu sempre meta di devozione da tutte le valli circostanti e la chiesa ebbe una piccola sacrestia con volta a spicchi e una fonte d’acqua costante.

san zeno carletto 2

Storia recente

Nel 1956 fu colpita da un fulmine con conseguente crollo del tetto e del campanile e rimase ridotta in macerie fino al 1996 quando il “Comitato Pro San Zeno – una chiesa per il 3° Millennio” iniziò a ricostruirla. Gli antichi ruderi e l’antico altare furono benedetti dal vescovo Alessandro Maggiolini nel 2000. Sulla facciata reca la Campana dei Giovani, sottoscritta da cinquanta giovani intelvesi, testimonianza di fede millenaria e benedetta da Papa Giovanni Paolo II a Roma il 27 maggio 1998. Il percorso di risalita reca stazioni della Via Crucis realizzate con traversine ferroviarie ad opera dei gruppi Alpini valligiani nella memoria della ritirata del Don (1942 – 1943). L’eremo adiacente, sorto sulle antiche basi, fu edificato (2013 – 2015) dagli Amici del San Zeno. La chiesa è stata solennemente consacrata a San Zeno dal vescovo Diego Coletti nel 2015 ed è ricca di donazioni di opere d’arte, tra le quali la copia della Corona Ferrea, a ricordo delle antichissime origini cristiane del territorio.

Eremo San Zeno Maurizio Moro-2

Come raggiungere località Pian delle Alpi

In auto: da Piazza Carminati (Centro Valle Intelvi, località San Fedele) proseguire su strada Provinciale in direzione Alta Valle Intelvi - Lanzo; superato il Centro Commerciale svoltare a sinistra su Via Casasco (prima strada a sinistra dopo il Centro Commerciale) e proseguire dritti fino a località Casasco; da qui sempre dritti per 3,5 km seguendo i cartelli per "Piano delle Alpi" o "Erbonne" (in località Pian delle Alpi troverete un'area pic nic e il Crotto Pian d'Alpe).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Como: l'eremo di San Zeno dall'alba al tramonto

QuiComo è in caricamento