rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
social

Lago di Como, al Borgo dei mille gradini si entra solo a pagamento

Dal 4 giugno biglietto d'ingresso e nuovo nome per il gioiello del Lario

Corenno Plinio diventa "Il Borgo dei mille gradini" e sarà visitabile solo con un biglietto d'ingresso. L'inaugurazione ufficiale, alla presenza degli assessori regionali al Turismo, Marketing territoriale, Moda e all'Autonomia e alla Cultura, avverrà oggi sabato 4 giugno. 

"Il progetto di rendere l'ingresso a Corenno a pagamento per garantire un sostegno alla conservazione del bellissimo borgo era previsto già due anni fa mala pandemia ha bloccato l'iniziativa - ha spiegato il sindaco di Dervio Stefano Cassinelli - Ora, mentre a Venezia la tassa di sbarco prenderà il via dal primo luglio, a Corenno si partirà con il contributo per la conservazione del complesso monumentale dal 4 giugno".

Non è una novità assoluta, ma senza dubbio molto significativa per il territorio. "Si tratta di una iniziativa nuova a livello nazionale, vi sono altre realtà simili come Civita di Bagnoregio, dove però l'accesso è garantito attraverso un ponte - prosegue Cassinelli - A Corenno i varchi di accesso saranno controllati dall'ufficio turistico in piazza Garibaldi e saranno fornite le indicazioni necessarie per l'accesso. Nel frattempo a Corenno, dove è stata rifatta la piazza, sono state posizionate strutture per informazioni turistiche e sarà operativa anche la realtà aumentata nei punti di interesse turistico e storico.

"Progetto che porta risorse a Corenno"

Due anni fa, all'annuncio dell'amministrazione comunale sulla volontà di istituire il ticket, non mancarono le polemiche, tanto da trasformarla in un caso nazionale. Cassinelli però difende ancora oggi la bontà dell'idea. "Il progetto vuole portare attenzione e consapevolezza nel turista che visita una delle tante bellezze italiane e nel contempo garantire al Comune risorse per poter tutelare e conservare nel migliore dei modi questo luogo straordinario. Si tratta di una iniziativa innovativa nel panorama nazionale e come tale perfettibile con il tempo, ma anche un progetto apripista per altre realtà".

Il borgo

Corenno Plinio è un piccolo e suggestivo borgo medievale a pochi minuti da Dervio, di cui costituisce una frazione. È un luogo incantato e rappresenta una vera chicca del lago di Como: camminando per le strette viuzze del centro e lungo le scalinate che dal castello portano al lago (alcune delle quali intagliate nella viva roccia) è impossibile non restare affascinati da questo piccolo borgo che traspira storia in ogni angolo. Il nome Plinio venne aggiunto solo nel 1863, dopo l’Unificazione d’Italia, perché si credeva che Plinio il Giovane, funzionario dell’Impero Romano e scrittore nato a Como, vi avesse posseduto quella villa che “posta su una rupe dominava il lago”. Corenno Plinio sorge su un promontorio a picco sul lago in cima al quale svetta il suo castello recinto, realizzato nel XIV secolo per volere della famiglia Andreani, che aveva avuto il feudo di Corenno dall’Arcivescovo di Milano Ottone Visconti sin dal 1277. Il castello venne costruito sui resti di fondazioni romane ed ha una pianta irregolare ma pressoché quadrata. Sono ancora visibili le due torri: a nord di forma quadrata e a sud a vela ovvero aperta al suo interno, che si affaccia sulla piazza Garibaldi e guarda la chiesa di San Tommaso di Canterbury. Il castello aveva la funzione di fortezza e raccoglieva la popolazione che vi si rifugiava in caso di attacco da parte degli invasori.

La chiesa parrocchiale, dedicata a san Tommaso di Canterbury, sorge vicino al castello-fortificazione e quindi era probabilmente in origine una chiesa castellana, per questo motivo comunicava con la fortezza nella parte settentrionale. Nel 1966 un’importante opera di restauro ha portato alla luce parte degli affreschi votivi dipinti sulle pareti tra il Trecento e il Cinquecento. Sulla parete settentrionale un san Cristoforo e san Francesco (XV sec.) ed un'Epifania (XIV sec.) con frammenti di una Madonna del Latte (XV sec.). Sulla parete meridionale un Vescovo con gli Apostoli (XIV sec.), una Madonna in trono del 1538 e i due santi Apollonia e Gottardo. Davanti alla chiesa sono collocati i tre grandiosi monumenti funebri della famiglia dei conti Andreani: i primi due collocati ai lati del portale, il terzo addossato alle mura del castello. Si tratta di tre arche funebri del XIV sec. realizzate per membri della famiglia Andriani. Queste tombe costituiscono una particolarità del borgo di Corenno Plinio dato che non si riscontrano altri esempi sul territorio lariano.

Dervio_-_Castello_di_Corenno_Plinio_2-2Appena sopra il borgo sono costruite le fortificazioni e le trincee della "Linea Cadorna", costruita per difendere le strade di accesso ai paesi del lago durante la Prima Guerra Mondiale e mai utilizzata, ed oggi perfettamente conservata e situata nei punti di maggior attrattività panoramica. Tali fortificazioni, essendo situate a un'altitudine di poche centinaia di metri, sono tra le poche tra tutte quelle costruite sull'arco delle Alpi ad essere facilmente visitabili lungo tutto l'arco dell'anno. Passeggiare a Corenno Plinio, borgo fortificato costruito nella roccia, nelle strette vie tra vecchie case, sotto ai portici, tra il castello e il lago è come fare un salto indietro nel tempo ed immaginare un passato ricco di eventi e vicende che sembrano ancora affiorare dalle mura. Un posto quasi sconosciuto ai più e forse anche per questo così unico ed indimenticabile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Como, al Borgo dei mille gradini si entra solo a pagamento

QuiComo è in caricamento