rotate-mobile
social

Le 10 migliori gite sul lago di Como e dintorni, la guida del weekend con il ponte del 1° maggio

Le nostre proposte per scoprire tutte le magie del Lario in questo lungo fine settimana

Quarto weekend di aprile con il meteo che promette qualche pioggia soprattutto nella giornata di lunedì. Ecco comunque i nostri suggerimenti, oltre agli eventi, tra le tante escursioni che si possono fare sul lago di Como in questo lungo fine settimana di primavera inoltrata. Qualche meta per trascorrere all'aperto questi giorni di nuovamente accompagnati almeno da temperature più miti. Una guida con tutte le gite sul Lario e dintorni per il ponte del 1° maggio. 

1 . Canyon nascosto

val sanagra 2

Appena sopra Menaggio, si trova il Parco della Val Sanagra. Un vasto territorio ricco di flora, fauna e antichi insediamenti rurali all’interno del quale sono tracciati numerosi percorsi. Il Parco è definito “una perla di natura tra Lario e Ceresio” e si colloca in una splendida vallata che si incunea nel cuore delle Prealpi Lepontine. L’’affascinante Orrido della Val Sanagra segue il corso del fiume nel suo tratto più inforrato. Si tratta di un vero e proprio canyon, spettacolare, stretto e profondo, che prosegue per un lungo tratto fra due imponenti pareti rocciose. Il sentiero, in alcuni tratti, é  scavato nella roccia e affacciato su alti burroni, è percorribile tramite passerelle (non adatta a chi soffre di vertigini). Continua

2 . Passeggiata romantica

selfie villa olmo passeggiata lino gelpi

La passeggiata pedonale Lino Gelpi, che offre emozionanti panoramiche del lago di Como oltre che una vista privilegiata sulle numerose ville neoclassiche disposte lungo il suo percorso, è figlia di una bella storia di politica cittadina. Fu infatti creata nel 1959 grazie al volere dell’allora sindaco di Como Lino Gelpi, in carica dal 1956 al 1970, che ebbe l'ardire di sfidare i proprietari dei terreni in nome del bene pubblico. L’obiettivo, raggiunto non senza forti resistenze e polemiche, era quello di progettare una “passeggiata romantica” regalando ai cittadini un panorama ricco di stupendi scorci e di eleganti opere architettoniche. Continua

3 . Greenway

lago como greenway foto lozzi

Immersa nello splendido paesaggio naturale della sponda occidentale del Lago di Como, la Greenway è una piacevole passeggiata adatta a tutti e a tutte le stagioni. Copre un percorso di circa 10 km seguendo a tratti l’Antica Via Regina. Il bello di questa camminata è che si attraversano i borghi e si gode di meravigliose vedute del Lario. L’itinerario si può dividere in 7 tappe, da Colonno a Sala Comacina, da Sala Comacina a Ossuccio, da Ossuccio a Lenno, da Lenno a Mezzegra, da Mezzegra a Tremezzo, da Tremezzo a Griante, da Griante alla fine della Greenway. Vediamole nel dettaglio. Continua

4 . Ponte del Diavolo

lezzeno ponte del diavolo-2

In particolare sulla sponda che corre da Como fino a Bellagio, si respira ancora aria di diavoli e streghe. Basti pensare a Fendin, la canzone di Davide Van De Sfroos ambientata a Torno, e alle tante leggende che ancora aleggiano sul Lago di Como. Tra le più interessanti e ancora vive nella memoria collettiva dei suoi abitanti, c'è quella del "Ponte del diavolo" di Lezzeno, lungo quel tratto di strada scavato nella montagna che corre come una ferita fino alla "perla del Lario".  Continua

5 . Borgo di Ossuccio

ossuccio

Certamente Ossuccio è uno dei borghi più affascinanti e ricchi di testimonianze storiche, artistiche e archeologiche del Lario, un angolo del nostro territorio che regala sempre nuove emozioni. Ossuccio si affaccia sulla cosiddetta Zoca de l'Oli, un golfo del Lago di Como così denominato per via della notevole tranquillità delle sue acque, appunto "lisce come l'olio" e alla quale Davide Va De Sfroos ha dedicato una delle sue tante belle canzoni lariane. È questa una zona che gode di clima talmente mite da favorire la fioritura di essenze mediterranee come gli ulivi. Da questo magnifico borgo della Tremezzina, tra le meraviglia della sua campagna si gode di una vista unica sull'isola Comacina, ad esempio dalla strada che raggiunge il Santuario della Madonna del Soccorso o la Torre del Soccorso del Fai. Altri punti magici sono quelli  di Santa Maria Maddalena con il suon storico campanile e della Chiesa di San Giacomo  ai piedi del lago di Como. Continua

6 . Abbazia di Piona

Abbazia-di-Piona-foto-Sonia-Poncia

Tra le tante meraviglie sacre del lago di Como, ce n'è una che certamente ha un fascino davvero unico nel suo genere anche grazie alla sua posizione privilegata. L’abbazia di Piona, o più esattamente, il Priorato di Piona, tipico edificio dell’arte comacina in pietra squadrata a vista, raggiungibile anche dal lago con il battello, costituisce un raro gioiello dell’architettura romanica lombarda. Posta sulla penisola di Olgiasca, di fronte a Gravedona sulla punta estrema del ramo di Lecco, offre una splendida vista panoramica sulla costa occidenrale del Lario, oltre alla possibilità di assaporare la tranquillità e la pace di cui godono i monaci cistercensi che ancora oggi vi abitano. Consacrata nel 1138 e intitolata alla Vergine, la prima menzione del monastero cluniacense risale al 1169 con l’intitolazione a San Nicolò. Continua

7 . Faro di Brunate

faro brunate foto valerio carletto 1

Certamente il Faro di Brunate è uno dei simboli più interessanti del nostro territorio. Vicino a compiere il suo primo secoli di vita, forse non tutti conoscono la sua storia e il perché venne costruito.  Il Faro Voltiano è una torre ottagonale alta 29 metri eretta nel 1927 sulla vetta del Monte Tre Croci (località San Maurizio) in occasione del centenario della morte di Alessandro Volta. Nella volta centrale del faro fu collocato un busto del fisico comasco, rappresentato in età avanzata, donato dai postelegrafonici. Il faro fu inaugurato l'8 settembre 1927 con l'intervento dell'allora Ministro delle Comunicazioni, Costanzo Ciano. Progettato dall'ingegnere Gabriele Giussani, ha al suo interno una scala a chiocciola di 143 gradini che permette di raggiungere due balconate circolari: la prima poco sopra il portone d'ingresso, la seconda all'esterno della lanterna; da questi punti è possibile vedere panorami che spaziano sull'arco occidentale della catena alpina, fino al Monte Rosa. Continua

8 . Borgo di Loppia

bellagio borgo loggia darsena 9

Loppia è un'antica e affascinante frazione di Bellagio. Il suo storico abitato è ricco di piccoli gioielli: dai bellissimi Giardini di Villa Melzi, alla darsena con le sue caratteristiche Lucie, storiche imbarcazioni dei pescatori, alla scalinata che conduce ai giardini di Villa Giulia. Un magico borgo incastonato tra ville in stile neoclassico e un angolo di Lario dove il tempo sembra esserci fermato. Meravigliosamente conservata, la darsena di Loppia è anche il rifugio degli ultimi pescatori del lago di Como. Un piccolo porto dove si respira il sapore antico del Lario e dei suoi mestieri.

9 . Le 13 meraviglie

villa melzi mp 2022-2

Il Lago di Como  è conosciuto a livello internazionale anche grazie alle spettacolari ville storiche con i loro parchi botanici che si affacciano sulle sue sponde: il Lario, che sta vivendo un autentico boom turistico, già in passato è stato scelto come luogo di villeggiatura prediletto dai nobili lombardi, che amavano ospitare artisti e letterati. Un'eredità che rimane ben visibile nelle tante ville incastonate come gioielli ad impreziosire il Lario. Alcune ville sono private, altre sono pubbliche ma tutte possono essere visitate. Alcune sono sempre aperte, altre solo in determinati periodi dell'anno, ma non c'è dubbio che la primavera sia la stagione migliore per godere appieno della bellezza dei loro parchi. Ecco quindi una carrellata delle più belle e note ville del Lago di Como e del Ceresio, iniziando dalle Regine della Tremezzina e dai capolavori  neoclassici Bellagio. Continua

10 . Le 8 montagne

monte pizzone valsolda drone-2

Arriva la nuova stagione e il lago di Como si riapre a suoi paesaggi più suggestivi. Quelli che lo mostrano in tutta la sua bellezza dall'altro delle loro vette, alcune facilmente raggiungibili, altre da esplorare magari con l'aiuto di una guida esperta. In ogni caso le montagne lariane, e quelle dei suoi dintorni, in primavera sono mete sempre suggestive che meritano di essere prese in considerazione da chi desidera aprire gli occhi a questi panorami mozzafiato. Qui abbiamo scelto le 8 montagne da scalare nei mesi di questa nuova attesa primavera. Continua

Tutti i Mercatini in città

Tutti gli eventi in città

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 10 migliori gite sul lago di Como e dintorni, la guida del weekend con il ponte del 1° maggio

QuiComo è in caricamento