rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Astronomia / Sormano

Guerre stellari: lo scontro galattico fotografato dall'Osservatorio di Sormano

Rose Galaxy, una spirale di luce

Una galassia interagente e’ l’oggetto inquadrato dall'Asservatorio Astronomico di Sormano Questa volta dal telescopio principale da 50 cm, che ha raccolto per 120 minuti i fotoni provenienti da questo remoto oggetto posto a 340 milioni di anni luce in Andromeda: noto anche con il nome di Arp 273 lo si trova a 4 gradi Sud di Almach (gamma And, famosa stella doppia di 2.2 magnitudo) e 2.5 gradi Sud-Est dalla bellissima galassia NGC 891 (la Silver Galaxy: si veda questo link). La galassia a spirale più grande (UGC 1810) che è vista quasi frontalmente, possiede un disco simile a una rosa che è distorto asimmetricamente dalle forze di marea della galassia compagna (UGC 1813) che ha una massa cinque volte inferiore e si trova a qualche decina di migliaia di anni luce dall'altra.

I modelli computazionali, supportati dalle immagini profonde scattate dall’HST, suggeriscono che il compagno più piccolo abbia attraversato UGC 1810 in una zona periferica; entrambe mostrano un’intensa attività stellare, per la ri-aggregazione della materia interstellare seguita a questo scontro galattico: le forze di gravità hanno caoticamente rimescolato le loro nubi molecolari, provocandone il collasso con la successiva formazione di giovani stelle.

Pur non essendo un’osservazione semplice conviene approfittare della stagione autunnale e invernale per visualizzarla o fotografarla: la coppia brilla di magnitudo 13°, ha dimensioni di 1.4’x1.1’ e si trova a 2h21m29s in ascensione retta e +39°22’32” di declinazione. La coppia di galassie forma un triangolo quasi equilatero di 1.5’ con due stelle vicine di 9° e 10° che sono relativamente più semplici da localizzare con un telescopio a lunga focale da almeno 20 cm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerre stellari: lo scontro galattico fotografato dall'Osservatorio di Sormano

QuiComo è in caricamento