rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
social

George Clooney furioso con i media: "Basta pubblicare le foto dei nostri figli"

"Non è solo una questione di riservatezza ma soprattutto di sicurezza"

Non hanno profili personali sui social media, non Instagram e nemmeno Facebook: George Clooney e la moglie Amal Ramzi Alamuddin tengono tantissimo alla loro privacy specie se legata ai figli. Anche durante le loro vacanze a Laglio, sul lago di Como, hanno sempre chiesto il massimo riserbo, non tanto per loro, che sanno di essere personaggi pubblici e quindi devono mettere in conto l'ossessione dei media "...come parte del prezzo da pagare per la popolarità e per il lavoro che fanno". Ma questo, dice Clooney  "...non è l'impegno che hanno preso i nostri figli". Si riferisce a Ella e Alexander, nati nel 2017, oggetto della morbosità dei paparazzi.

Come riportato su Il Corriere della Sera, la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sono stati alcuni scatti pubblicati sul Daily Mail della figlia di un anno della loro amica Billie Lourd. A quel punto Amal Ramzi Alamuddin, nella veste di avvocato ha inviato una lettera di diffida e le immagini sono state rimosse. 

Non è solo una questione di riservatezza e di privacy ma di sicurezza. In quanto avvocato per i diriti umani Amal svolge un ruolo delicato a fianco delle Nazioni Unite in inchieste e operazioni in paesi come la Siria e l'Iraq e questo la porta spesso a processare persone legate a gruppi terroristici. Conclude Clooney: "Prendiamo tutte le precauzioni possibili per mantenere la nostra famiglia al sicuro. Non possiamo proteggere i nostri figli se qualsiasi testata mette i loro volti in copertina».

Durante le sue vacanze sul lago di Como Amal e Clooeny sono spesso fotografati in ristoranti o durante le loro passeggiate ma per ora non è mai stato violato il loro desiderio e volere di non fotografare ed esporre  Ella e Alexander. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

George Clooney furioso con i media: "Basta pubblicare le foto dei nostri figli"

QuiComo è in caricamento