rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
social

Un atto d'amore e giustizia per Brassens, il maestro di De André

Un libro che celebra il grande artista francese

Nato il 22 ottobre del 1921, Brassens è stato uno dei rari esempi di coerenza fra espressione artistica e vita privata. Ci ha insegnato l’impegno civile non disgiunto dalla poesia, gusto dello humour e satira. Il tutto con grande originalità di scrittura, ma principalmente con una grande ampiezza di vedute: la tolleranza pur nella convinzione delle proprie idee. L’uomo, l’autore, libero e di grande umanità, che è le sue canzoni, parole e musica. Parole che emozionano, singolare impasto tra lingua e gergo, musica che cattura. Parole che suonano e musica che parla. Questa biografia di Brassens, che verrà presentata a Como all'Officina della Musica il 14 novembre alle 21, è il frutto dell’intenso ed emozionante percorso compiuto da Alberto Patrucco tra le parole e la musica di un artista unico, dotato di genialità e ironia senza eguali. 

AbBrassens

Spiega l'autore Alberto Patrucco: “Questo manufatto cartaceo non è un omaggio né tanto meno un tributo a Georges Brassens, un atto d’amore e di giustizia sì, per un artista che, senza alcun dubbio, è stato e continua a essere un fenomeno culturale e musicale degno di nota.” In Italia, dopo aver conosciuto le sue canzoni, diversi musicisti subiscono una profonda trasformazione artistica. All’ombra del grande chansonnier, approdano a un nuovo stile. “Brassens per me è stato un mito, come artista e come uomo... – chi parla è Fabrizio De André – Per me equivaleva a leggere Socrate: insegnava come comportarsi o, al minimo, come non comportarsi".

Copertina di AbBrassens[163931]-2

Gli autori

Alberto Patrucco si avvicina al mondo artistico attraverso la musica. Questa formazione, la conoscenza del ritmo e della musicalità, ha un peso determinante nella costruzione dei suoi monologhi e del suo modo di fare teatro. Dal 1976 fino alla fine degli anni‘90 frequenta il circuito dei teatri milanesi e poi quelli di tutta Italia. Dal 2000 comincia la partecipazione a diversi programmi televisivi. Nel 2007 inizia ad adattare e interpretare alcune opere di Georges Brassens mai tradotte in italiano. Torna a cantare e dà vita a uno spettacolo inusuale: un incontro tra satira parlata e satira cantata. Inizia così un percorso che lo condurrà a numerose e varie esperienze. Laurent Valois nasce a dieci chilometri da Notre-Dame de Paris. È insegnante di spagnolo, archeologo amatoriale, componente di un gruppo di ricerca sull’arte rupestre nel sud della regione parigina, di cui è presidente, e direttore della rivista Art rupestre. Cresciuto a pane e Brassens è un appassionato collezionista dei suoi dischi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un atto d'amore e giustizia per Brassens, il maestro di De André

QuiComo è in caricamento