rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Salute Via Virginio Bertinelli

Ambliopia, cos'è e come si cura: screening gratuito per i bimbi di Como

E' possibile prenotare una visita oculistica gratuita che si svolgerà a Palazzo Cernezzi

Il 12 e 13 marzo tornano a Como le visite gratuite di Progetto Elisa con oculisti e ortottisti per sconfiggere l'ambliopia, un difetto visivo poco noto ma molto insidioso. Prenotazioni già aperte per i piccoli entro i 22 mesi di età. Lo screening si svolgerà nella Sala Stemmi di palazzo Cernezzi, sede del Municipio di Como. L'iniziativa è organizzata in collaborazione con il Rotary Club Como, il Rotary Club Como Baradello, il Rotaract Club Como, L’Unione Italiana Ciechi Sezione provinciale di Como.
È necessario prenotare sul sito https://www.robertomagni.com. In casi eccezionali si potrà telefonare per assistenza al 3347548424 (dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 nei giorni feriali)

L'esame

L’esame a cui saranno sottoposti i bambini è un’autorefrattometria binoculare, in grado di individuare i difetti più grossolani della vista, ma soprattutto di scoprire un problema grave, l’ambliopia comunemente detto “occhio pigro” che colpisce tre bambini su cento e che, se non curato entro i 4 o 5 anni, può portare ad una severa riduzione permanente della vista, generalmente monolaterale. Il referto dell’esame sarà consegnato subito e spiegato da un medico oculista e da un'ortottista.

Ambliopia a Como

Nella città di Como, dove gli screening si svolgono dal 2016 e sono stati interrotti unicamente a causa della pandemia, sono stati esaminati nel corso degli anni circa 1000 bambini, il 10 per cento dei quali è stato classificato come “codice rosso”.

L'iniziativa Progetto Elisa

Il service svolto dall’associazione Progetto Elisa viene intitolato alla memoria di Armando Sommariva socio del Rotary, esempio di altruismo e sostenitore del progetto Elisa, deceduto l’anno scorso.
Da oltre 15 anni l'Associazione Progetto Elisa organizza campagne gratuite di screening per cura e prevenzione per una patologia che ogni anno colpisce silenziosamente in Italia circa 15mila bambini, il 3,5% dei nuovi nati. Per curare l'ambliopia è sufficiente una semplice occlusione dell’occhio e/o l’uso di occhiali, senza interventi chirurgici, con un recupero pressoché totale, ma è il fattore tempo a fare la differenza.
A guidare questa campagna di divulgazione è l’Associazione nata per volontà di Roberto Magni, oculista di Erba specializzato in pediatria, Presidente dell’associazione e di Enrica Mariateresa Ferrazzi, oggi Portavoce e Sviluppo progetti dell’ente e mamma di Elisa Raimondi, la ragazzina da cui ha preso il nome il progetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambliopia, cos'è e come si cura: screening gratuito per i bimbi di Como

QuiComo è in caricamento