Salute

Psichiatria, inaugurato il Cart di Fino Mornasco

Una nuova struttura in ambito psichiatrico. E’ stato inaugurato ufficialmente stamattina il Cart di Fino Mornasco (via Raimondi), il Centro assistenziale riabilitativo territoriale di competenza del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda...

cart-fino-mornasco

Una nuova struttura in ambito psichiatrico. E' stato inaugurato ufficialmente stamattina il Cart di Fino Mornasco (via Raimondi), il Centro assistenziale riabilitativo territoriale di competenza del Dipartimento di Salute Mentale dell'Azienda Ospedaliera "Ospedale Sant'Anna" di Como e afferente alle Unità Operative di Psichiatria di Appiano Gentile - Menaggio. L'evento si è svolto nel corso del convegno "Nuovi modelli territoriali in ambito psichiatrico: confronto di esperienze", tenutosi al teatro il Mulino e organizzato e promosso dall'Ufficio Interistituzionale Asl/Ao per la Promozione della Salute Mentale.

Questa struttura semiresidenziale, collocata a fianco del teatro e realizzata in collaborazione con la Caritas diocesana, si aggiunge a quelle di Porlezza, Cernobbio, Val d'Intelvi, Nesso e Olgiate Comasco implementando così la risposta dell'Azienda alle problematiche legate al disagio psichico e, in particolare, ai percorsi riabilitativi e al reinserimento sociale dei pazienti.

Alla presentazione del Cart, avviato ad ottobre, hanno partecipato il direttore sanitario dell'Ao comasca Giuseppe Brazzoli, Andrea Catelli, direttore del Consorzio Olgiatese, Annino Ronchi, delegato della Caritas diocesana per la Salute Mentale, Gianpaolo Folcio e Maria Luisa Occhiuzzi, rispettivamente direttore e presidente di Asci (Azienda Sociale Comuni Insieme), Giuseppe Napoli, sindaco di Fino Mornasco, Giovanni Rusconi, sindaco di Lomazzo, e Carlo Alberto Tersalvi, direttore sanitario dell'Asl di Como oltre al direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell'Azienda Ospedaliera Claudio Cetti e del primario della Psichiatria di Menaggio e di quella di Appiano Gentile Giorgio Scorza. Il Cart, attualmente aperto una volta alla settimana - è previsto l'ampliamento a 2/3 volte la settimana -, avrà in carico dai 4 a 6 pazienti che saranno seguiti da un educatore professionale e da due operatori del Centro Psico-Sociale di Appiano Gentile. Per ogni ospite sarà pianificato un percorso riabilitativo personalizzato.

"Da parte della Direzione - ha sottolineato il direttore sanitario dell'Azienda Ospedaliera Giuseppe Brazzoli - grande è l'attenzione per le attività territoriali, in primis ma non solo quelle psichiatriche, tanto che c'è in programma una modifica al piano di organizzazione aziendale che tiene in considerazione proprio la peculiarità di questo ambito aziendale. Il Cart - ha aggiunto - rappresenta una rivoluzione copernicana, un modello interessante e culturalmente innovativo perché avvicina la riabilitazione alla persona, grazie anche all'integrazione tra più soggetti coinvolti. E la giornata inaugurale del Cart ne è stato un concreto esempio".

"I Cart - ha spiegato il direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell'Ao comasca Claudio Cetti - avvicinano la riabilitazione ai territori di residenza dei nostri pazienti, coinvolgendo sia la rete istituzionale sia la rete sociale in percorsi studiati ad hoc per ogni ospite e finalizzati al loro reinserimento sociale. Si tratta di strutture innovative, che potenziano il lavoro sinergico degli attori coinvolti, volontariato compreso".

Nel corso del convegno, poi, sono state presentate alcune esperienze lombarde in ambito riabilitativo oltre che i Programmi Innovativi di Regione Lombardia per l'area comasca riguardanti, tra l'altro, le psicosi, l'housing sociale, il "supporto tra pari", l'accompagnamento alla quotidianità dei pazienti, la mediazione per pazienti stranieri.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Psichiatria, inaugurato il Cart di Fino Mornasco

QuiComo è in caricamento