Salute

La prevenzione dei tumori inizia a scuola

Come prevenire i tumori giovanili? La prevenzione questa volta si fa a scuola grazie al Progetto Martina che, giunto alla sua quarta edizione, punta a far comprendere ai giovani che oggi è possibile prevenire alcuni tumori e che è aumentata la...

Come prevenire i tumori giovanili? La prevenzione questa volta si fa a scuola grazie al Progetto Martina che, giunto alla sua quarta edizione, punta a far comprendere ai giovani che oggi è possibile prevenire alcuni tumori e che è aumentata la probabilità di guarigione grazie a semplici accorgimenti. Saranno gli studenti dell'Istituto Superiore "E.Vanoni" di Menaggio a partecipare sabato 18 aprile alle ore 8.30 all'incontro sulla prevenzione dai tumori giovanili. L'iniziativa è promossa dal Lions Club Menaggio Centro Lago in collaborazione con la Chirurgia dell'ospedale Erba Renaldi. Durante la mattinata si alterneranno come relatori il direttore dell'unità operativa di Chirurgia dell'ospedale di Menaggio Giampietro Creperio, e la sua collaboratrice Marina Gorziglia.

I medici presenteranno ai giovani studenti una panoramica sulla diffusione dei tumori in età giovanile, sui successi della prevenzione, sulla necessità dell'attenzione al proprio corpo e della tempestività dei controlli, nonché sul valore degli stili di vita sani. Verranno inoltre fornite informazioni su alcuni tumori che possono presentarsi o che incominciano il loro percorso in età giovanile quali tumore della mammella, del collo dell'utero, del testicolo e della cute.

Gli studenti al termine della mattinata verranno in un certo senso interrogati attraverso semplici questionari per dimostrare di aver appreso informazioni utili per poter prevenire il rischio di contrarre un tumore e migliorarne la curabilità attraverso la diagnosi precoce. Un progetto che per la sua rilevanza ha ottenuto il patrocinio del Senato della Repubblica, del Ministero della Salute, del Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca, di Fondazione Umberto Veronesi e Europa Donna

Per chi si sta chiedendo perché il progetto si chiami Martina è perché l'idea di educare i giovani ad avere maggior cura della propria salute e del proprio corpo è venuta a una ragazza padovana che aveva contratto un tumore giovanile e che voleva essere di esempio e di aiuto ai suoi coetanei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La prevenzione dei tumori inizia a scuola

QuiComo è in caricamento