menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
santanna-ospedale-esterno

santanna-ospedale-esterno

"Nessun rischio di Ebola all'ospedale Sant'Anna"

L'ospedale Sant'Anna di San fermo della Battaglia ha diramato questa mattina una nota stampa per rassicurare la popolazione riguardo un falso allarme ebola. L'azienda ospedaliera ha precisato quanto segue in riferimento anche all'articolo...

L'ospedale Sant'Anna di San fermo della Battaglia ha diramato questa mattina una nota stampa per rassicurare la popolazione riguardo un falso allarme ebola. L'azienda ospedaliera ha precisato quanto segue in riferimento anche all'articolo pubblicato oggi dal quotidiano la Provincia di Como.

Per quanto riguarda il paziente, un 21enne italiano proveniente dal Senegal, va specificato che non aveva "strani sintomi", ma solo un po' di febbre, dissenteria e dolori articolari e muscolari. In ospedale, a partire dal Pronto Soccorso, sono scattate immediatamente tutte le procedure d'allerta e il paziente è stato isolato in un'apposita stanza del Pronto Soccorso per la visita e l'anamnesi. Sulla scorta del quadro clinico accertato e anche per il fatto che il ragazzo proveniva da un Paese oggi non più considerato "a rischio", l'allarme è rientrato in pochi minuti. I sintomi sono infatti riconducibili a un'infezione intestinale di probabile origine virale.

Attualmente il paziente è ricoverato nel reparto di Malattie Infettive e non in un'altra area di degenza come indicato dal quotidiano. Le sue condizioni sono buone.

All'ospedale Sant'Anna è stato istituito il gruppo di lavoro per la gestione dei casi sospetti di malattia da virus Ebola, così come richiesto dal Ministero della Salute e da Regione Lombardia. A seguito delle riunioni svoltesi nel mese di agosto insieme all'Asl di Como, è stato nominato coordinatore del team ospedaliero il primario dell'Unità Operativa di Malattie Infettive Domenico Santoro.

L'Azienda Ospedaliera "Ospedale Sant'Anna" di Como, dotata nel presidio di San Fermo della Battaglia del reparto di Malattie Infettive con specifiche caratteristiche tecnico-strutturali, ha messo a disposizione, nell'ambito della rete ospedaliera regionale, due posti letto delle Malattie Infettive per il ricovero di pazienti che manifestassero sintomi riconducibili all'Ebola. Si tratta di posti letto collocati in stanze, predisposte per l'isolamento dei pazienti, definite a "pressione negativa", di cui è stato dotato il nuovo ospedale, dove i germi possono entrare ma non uscire, e attrezzate con filtri Hepa per bloccare gli agenti infettivi.

In particolare, al Sant'Anna saranno eventualmente ricoverati fino alla fine del periodo d'incubazione pazienti "a basso rischio", cioè con stato febbrile ma che non hanno avuto nessun contatto con persone infette. Invece, i casi ad "alto rischio", che hanno sintomi riconducibili all'Ebola e hanno avuto contatti con individui malati, saranno ricoverati negli ospedali Sacco di Milano e Spallanzani di Roma.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento