Mercoledì, 23 Giugno 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 118 compie 20 anni: dal 1992 un milione di chiamate e richieste di interventi

Vent’anni di 118 a Como: un milione di chiamate e richieste di interventi dal 1992 al 2011. Stamani nella conferenza stampa che si è tenuta alla sede operativa di Villa Guardia, il direttore del dipartimento di emergenza e responsabile del 118...

Vent’anni di 118 a Como: un milione di chiamate e richieste di interventi dal 1992 al 2011. Stamani nella conferenza stampa che si è tenuta alla sede operativa di Villa Guardia, il direttore del dipartimento di emergenza e responsabile del 118, Mario Landriscina, insieme all’assessore Stefano Molinari, al direttore sanitario dell’azienda Ospedaliera Sant’Anna, Giuseppe Brazzoli, al responsabile dell’AAT 118 di Como, Maurizio Volontè e a Maurizio Ghioldi del settore sport, hanno tracciato un bilancio di questo primo ventennio.

I DATI

Gli anni antecedenti al 2000, per motivi di carattere tecnico-informatico, sono stati difficili da quantificare. Si calcola, comunque, un numero inferiore alle 18 mila chiamate. E’ bene tenere presente, tralaltro, che in quel periodo Como raccoglieva anche le chiamate di Lecco. “C’è stato un progressivo crescendo di chiamate nel corso degli anni”, spiega Maurizio Volontè. E infatti, analizzando i dati, nel 2000 le chiamate sono più di 48 mila ( per la precisione, 48.786), mentre nel 2011 il numero arriva a 68 mila (68.711). Il 32% degli interventi riguarda eventi traumatici (un terzo dei quali causati da incidenti stradali), il resto riguarda eventi non traumatici (arresti cardiaci, problemi respiratori, ecc.). Per le richieste di intervento, nel 2000 i codici verdi sono stati il 26,8%, mentre nel 2011 i sono stati il 45,9%. I codici gialli sono stati il 60,3% nel 2000, il 48,6% nel 2011. I codici rossi sono stati nel 2000 11,4% mentre nel 2011 4,9%. C’è stato, inoltre, un aumento delle chiamate per fascia d’età superiore ai 72 anni. Giuseppe Brazzoli sottolinea: “E’ una delle più belle strutture che io abbia mai visto. Questo servizio è diventato talmente “normale” da sembrare scontato”.

LA NORMATIVA REGIONALE DEL 1998

Landriscina ha fatto riferimento anche alla normativa voluta dalla Regione Lombardia nel 1998. Tale norma, infatti, disciplina il sistema di soccorso. Dal 29 febbraio, infatti, si è chiusa la centrale operativa di Lecco, che è confluita automaticamente a Como. Si tratta della riorganizzazione del 112 e questo significa che, probabilmente dopo l’estate, si avrà un unico numero per le emergenze, raccolte a Varese. Sarà dunque Varese a smistare le varie chiamate e Como si troverà una popolazione di circa 800 mila unità. Naturalmente, saranno assunti altri lavoratori per far fronte ad un anno sicuramente intenso. Il vantaggio, però, è la quasi scomparsa delle chiamate anonime. Il nuovo sistema permetterà non solo di visualizzare i numeri dei cellulari, ma anche di identificarne la posizione.

LA FESTA DEL 5 MAGGIO

Proprio in occasione del ventennale, sabato 5 maggio si svolgerà l’evento “118 Como - istantanea di un’emozione”. Al Teatro Sociale di Como, il 118 racconterà alcune storie. Si alterneranno, dunque, momenti di intensa emozione a momenti più “leggeri”, visto che interverranno anche alcuni comici di Zelig (Sergio Sgrilli e gli Emo), la musica della Blunotte Band e un gruppo di tenori. La festa inizierà alle 15. Un gruppo di soccorritori partirà da piazzale Monte Santo e transiterà per via Leone Leoni, viale Giulio Cesare, via Milano, Largo Spallino, via Battisti, via Carducci, piazza Pinchetti, piazza Medaglie d’Oro, via Vittorio Emanuele II, piazza Duomo, via Pretorio e piazza Verdi. Dopodiché un elicottero “802” sorvolerà la città. Oltre al parcheggio Val Mulini, sarà possibile utilizzare l’area circostante lo stadio. I volontari potranno parcheggiare anche in piazza del Popolo e attorno alle aree limitrofe del Teatro Sociale. Saranno inoltre scortati a piedi dalle forze dell’ordine e per non creare ulteriori disagi alla circolazione, in via Milano si utilizzerà la corsia preferenziale degli autobus. Piazza Verdi, invece, rimarrà chiusa sin dal mattino.

Si parla di

Video popolari

Il 118 compie 20 anni: dal 1992 un milione di chiamate e richieste di interventi

QuiComo è in caricamento