Vigili di Como, protesta in aula: consiglio sospeso

Circa una trentina di agenti della polizia locale di Como che fanno riferimento al sindacato Diccap - Sulpm si sono presentati nell'aula di Palazzo Cernezzi mentre era in corso il consiglio comunale. Si è trattato di una protesta per così dire...

 

Circa una trentina di agenti della polizia locale di Como che fanno riferimento al sindacato Diccap - Sulpm si sono presentati nell'aula di Palazzo Cernezzi mentre era in corso il consiglio comunale. Si è trattato di una protesta per così dire silenziosa. I vigili sono entrati in aula con una pettorina gialla con bande rifrangenti e la scritta del sindacato di appartenenza stampata sul lato posteriore. Si è trattato di una manifestazione già annunciata la settimana prima anche attraverso un comunicato della segreteria regionale del sindacato con il quale è stata espressa una serie di problematiche: tra le più importanti la carenza di organico che avrebbe indotto l'amministrazione a una insoddisfacente riorganizzazione del personale dipendente del comando di polizia locale.

Il consigliere di maggioranza Vncenzo Sapere (Paco-Sel) ha chiesto di interrompere la seduta consiliare per permettere ai consiglieri comunali di ascoltare le istanze dei vigili. Il sindaco Mario Lucini e l'assessore alla polizia locale Paolo Frisoni si sono opposti e hanno manifestato una ferma contrarietà a interrompere il consiglio. iI sindaco ha spiegato che "non è mai stato interrotto il consiglio comunale per affrontare problematiche interne all'Ente" sostenendo, sostanzialmente, l'opportunità di affrontare il problema in altre sedi. Gli ha fatto eco l'assessore Frisoni che ha commentato la protesta affermando che "le trattative non si fanno in questo modo" ribadendo l'invito a confrontarsi in un altro incontro programmato. Tuttavia, il presidente del consiglio comunale Stefano Legnani ha deciso di accogliere la richiesta di sospensione di Sapere e per circa venti minuti il gruppo dei vigili in protesta si è spostato in Sal Stemmi dove attraverso la voce del segretario del Diccap - Sulpm di Milano, Sergio Bazzea, ha potuto esprimere le proprie istanze ai consiglieri comunali (di maggioranza e minoranza) che hanno acconsentito ad ascoltarli. Sindaco e assessore in coerenza con il pensiero da loro espresso appena prima hanno deciso di non prendere parte all'incontro.

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento