Mercoledì, 23 Giugno 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ticosa, Ca' d'Industria, lungolago: sindaco Bruni sotto accusa

La prima mezz'ora del consiglio comunale di Como di ieri ha visto una infilata di accuse e richieste di chiarimento al sindaco Stefano Bruni. Dal caso Ca' d'Industria di cui si attendono ancora le nomine dei cinque membri del cda, al caso amianto...

La prima mezz'ora del consiglio comunale di Como di ieri ha visto una infilata di accuse e richieste di chiarimento al sindaco Stefano Bruni. Dal caso Ca' d'Industria di cui si attendono ancora le nomine dei cinque membri del cda, al caso amianto in Ticosa, passando per il lungolago e le paratie su cui sembra ancora molto attivo l'ex assessore Fulvio Caradonna ("a quale titolo?" si domanda il consigliere Acelti).

Donato Supino (Prc) è arrivato addirittura ad annunciare che si incatenerà a una colonna del cortile di Palazzo Cernezzi a partire da giovedì se entro allora il sindaco non avrà provveduto a nominare i membri del cda della Ca' d'Industria. Roberta Marzorati (Per Como) ha sollevato un pesantissimo dubbio sulla gestione dello smaltimento dei rifiuti contenenti amianto derivati dalla demolizione della Ticosa: "In Comune mancano dei documenti, le bolle di accompagnamento relativi al trasporto dei rifiuti effettuati dai camion che hanno portato via i detriti. A chi dobbiamo chiedere questi documenti? Forse a Perego Strade che è indagata?". Sempre per restare in tema Ticosa Pasquale Buono ha presentato le oltre 300 firme raccolte per chiedere che vengano preservati i parcheggi che saranno soppressi a causa delle operazioni di bonifica del sottosuolo dell'area Ticosa e chiede chirimenti per il futuro. Infine Giovanni Acelti (Pdl) ha chiesto a quale titolo l'ex assessore Caradonna continui ad occuparsi del lungolago. Infatti, lo si è visto proprio sul lungolago parlare con uno dei direttori della Sacaim (la ditta che esegue i lavori delle paratie).

Si parla di

Video popolari

Ticosa, Ca' d'Industria, lungolago: sindaco Bruni sotto accusa

QuiComo è in caricamento