Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tassa rifiuti: code infinite e "grossolani errori"

Stamattina mi sono fatto circa due ore di coda all'ufficio Tari del Comune di Como in quanto ho ricevuto l'avviso recante dei grossolani errori, ho cercato di parlare anche con il funzionario preposto ma non sono riuscito, vi chiedo di farvi un...

Stamattina mi sono fatto circa due ore di coda all'ufficio Tari del Comune di Como in quanto ho ricevuto l'avviso recante dei grossolani errori, ho cercato di parlare anche con il funzionario preposto ma non sono riuscito, vi chiedo di farvi un giretto verso le 10,30 e vedrete che rimarrete scioccati dalla folla di persone in attesa del proprio turno in piedi ed arrabbiate come me, alla fine parlando con l'impiegata ma non ho risolto niente, manderò qualcuno nei prossimi giorni perché non posso prendere ancora una giornata di ferie per risolvere il mio problema.

Buon lavoro

Ecco il racconto di un lettore. Siamo andati e abbiamo verificato. Le code ci sono, eccome. Le attese si protraggono a lungo e nonostante la buona volontà di chi ha deciso di pagare subito la prima rata della Tari (scadenza 16 ottobre, 16 novembre la seconda) bisogna effettivamente armarsi di una pazienza enorme. Non solo gli uffici comunali sono affollati ma il monitor che indica il numero progressivo della coda è rotto. Risultato, ulteriori rallentamenti con gli utenti che si auto organizzano per gestire la fila.

https://www.youtube.com/watch?v=zDn0UvNUNBs

Soluzione alternativa, proposta anche nella missiva che il comune di Como ha inviato ai 48mila comaschi coinvolti, è pagare tutto in un'unica soluzione con il modello F24 allegato alla stessa lettera.

Molti utenti lamentano inoltre problemi tecnici: su tutti lettere di pagamento inviate a vecchi indirizzi di residenza nonostante, spiegano i cittadini, abbiano segnalato più volte la variazione di domicilio.

Per capire come funziona il calcolo della Tari è possibile consultare la pagina dedicata sul sito del Comune, dove è contenuto anche questo approfondimento.

Si parla di

Video popolari

Tassa rifiuti: code infinite e "grossolani errori"

QuiComo è in caricamento