Politica

Studenti di Como in piazza contro razzismo e fascismo

Presidio il 20 dicembre nel parco antistante alla stazione S. Giovanni di Como

Dopo il divieto della questura di Como che sabato 9 dicembre aveva impedito agli studenti comaschi di promuovere un presidio antifascista in solidarietà alla rete Como Senza Frontiere per i fatti del 28 novembre 2017 e contro il nuovo squadrismo neofascista, l’Unione degli Studenti Como promuove un corteo antirazzista e antifascista per il giorno mercoledì 20 dicembre.

Gli studenti di Como hanno, nei giorni scorsi, promosso e diffuso un appello rivolto a tutte le forze e le realtà antifasciste e antirazziste territoriali, regionali e nazionali per la costruzione di una mobilitazione sul territorio contro razzismo, xenofobia e neofascismo. Torneranno quindi in piazza per gridare a gran voce che Como esprime una profonda coscienza antirazzista, che rifiuta i mantra della guerra fra poveri, dell’odio e della violenza.

"Riteniamo assurdo - si legge nel comunicato diffuso dall'Unione degli studenti di Como - che il fenomeno neofascista non venga affrontato e combattuto da partiti e istituzioni se non in campagna elettorale. Vogliamo promuovere una mobilitazione plurale, pacifica, collettiva e determinata, una mobilitazione che parli a tutta la cittadinanza e che riesca a portare al centro del dibattito pubblico temi che, per comodità elettorale, nel parlare di antifascismo a Como sono stati volutamente ignorati. A Como esiste, esiste da anni, una questione migrazioni; nel promuovere una mobilitazione contro ogni razzismo non possiamo ignorare che esistono delle responsabilità specifiche: la responsabilità di chi ha deciso di rimanere sordo davanti alla sofferenza di molti durante l’emergenza migranti dell’estate 2016; la responsabilità di chi a lungo ha legittimato la diffusione del fenomeno neofascista concedendo spazi pubblici e mediatici alle formazioni di estrema destra; la responsabilità di chi può accettare che si muoia alla frontiera fra Como e Chiasso; la responsabilità di chi tutt’oggi promuove politiche migratorie e accordi internazionali assassini e di chi è comunque sempre pronto a cavalcare il vento della sofferenza e della guerra fra poveri per racimolare qualche magro consenso; la responsabilità di chi accetta che decine di persone dormano, questo inverno, al freddo, esposti alle intemperie, all’autosilo di Val Mulini". 

"Pertanto - conclude lo scritto - chiamiamo a raccolta tutti i cittadini antirazzisti e antifascisti, il 20 dicembre alle 14 nel parco antistante alla stazione S. Giovanni di Como, per dar vita, partendo da quel luogo simbolo della Como solidale, ad un corteo per dire “no”, insieme, a razzismo, xenofobia, neosquadrismo fascista e decreti Orlando – Minniti". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti di Como in piazza contro razzismo e fascismo

QuiComo è in caricamento