Si discute il bilancio ma l'assessore non c'è: l'opposizione contro Frisoni

L'assessore al Bilancio del Comune di Como, Paolo Frisoni, è assente, forse in vacanza. Poco male, se non fosse che proprio in questi giorni si sta discutendo il documento più importante del Comune, vale a dire il bilancio di previsione 2015. La...

Frisoni: "Brutto spettacolo gli acchiappa-clienti dei locali"

L'assessore al Bilancio del Comune di Como, Paolo Frisoni, è assente, forse in vacanza. Poco male, se non fosse che proprio in questi giorni si sta discutendo il documento più importante del Comune, vale a dire il bilancio di previsione 2015. La sua assenza in aula martedì sera non è passata inosservata ai consiglieri di opposizione. La prima a sottolineare l'assenza dell'assessore è stata Ada Mantovani (Adesso Como): "E' un'assenza irrispettosa. Ho chiesto la durata di tale assenza e ho notato un atteggiamento omertoso e qualcuno mi ha detto che ormai le vacanze erano state già prenotate. E' una cosa poco seria e rispettosa visto che stiamo lavorando".

Che Frisoni si sia assentato per le vacanze è stato confermato da altri assessori a margine del consiglio. Tuttavia il sindaco Mario Lucini ha tenuto a replicare ad Ada Mantovani definendo "fuori misura" le sue dichiarazioni visto che "non esistono solo le vacanze, bisognerebbe almeno lasciare il beneficio del dubbio visto che possono esserci anche questioni personali o famigliari". Il primo cittadino è sembrato, dunque, voler far intendere che l'assessore non si sia assentato per le ferie e ha aggiunto: "Dovrebbe essere presente in aula domani o dopodomani".

Quale che sia il motivo l'assenza di Frisoni era già prevista poiché da diverse settimane si sapeva a livello informale che si sarebbe assentato dopo la presentazione del bilancio e la replica. Così è stato: l'assessore nelle prime sedute ha illustrato il documento di bilancio 2015 e ha risposto alle richieste di chiarimento dei consiglieri di opposizione, ma non ha partecipato all'inizio della discussione degli emendamenti. E di emendamenti ce ne sono davvero tanti: ne sono stati presentati quasi cento, mentre una sessantina sono gli ordini del giorno. Insomma oltre 150 documenti da discutere e votare. L'aula di Palazzo Cernezzi deve affrontare ancora una volta (succede tutti gli anni e sempre in piena estate) un altro dibattito estenuante sul bilancio per il quale sono state fissate numerose sedute in tempi insolitamente assai ristretti (per timore di non riuscire ad approvare il bilancio nei tempi previsti dalla legge): 12 consigli comunali nel solo mese di luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • Chiara Ferragni, nuovo post nostalgico sul lago di Como: "Spero di comprare lì una casa vacanze"

Torna su
QuiComo è in caricamento