Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sfiducia bocciata, Stefano Bruni resta sindaco di Como

La sfiducia al sindaco di Como Stefano Bruni non è passata. Bruni resta in sella, ma ha promesso che aprirà alle opposizioni per il futuro e proseguimento del mandato. Ecco la votazione: in minoranza ci sono stati 14 voti a favore della sfiducia...

La sfiducia al sindaco di Como Stefano Bruni non è passata. Bruni resta in sella, ma ha promesso che aprirà alle opposizioni per il futuro e proseguimento del mandato. Ecco la votazione: in minoranza ci sono stati 14 voti a favore della sfiducia, in maggioranza 18. Si sono astenuti i 7 consiglieri di Autonomia Liberale per Como (Buono, Arcellaschi, Anzi, Frigerio, Pastore, Lionetti, Bottone) che nei giorni scorsi avevano affermato più o meno esplicitamente di votare per la sfiducia. Di fatto sono stati loro a salvare Bruni. Si segnala l'eclatante voto di ALessandro Rapinese (Area 2010) che si è astenuto. Ma attenzione, la sua astensione è stata dettata dal seguente motivo: per intervenire con un ultimo intervento avrebbe dovuto dichiarare un voto contrario al suo capogruppo (Dario Valli), quindi pur di poter lanciare bordate ancora contro Bruni e la maggioranza ha deciso di astenersi.

Bruni ha dovuto promettere alcune cose per non essere sfiduciato: taglio degli stipendi degli assessori; limitare le spese della pubblicità del Comune su organi di stampa; abolire il giornalino del Comune; tagliare il portavoce.

Si parla di

Video popolari

Sfiducia bocciata, Stefano Bruni resta sindaco di Como

QuiComo è in caricamento