Politica

Scissione Berlusconi-Fini, a Como spunta l’ipotesi lista civica

L'opzione non è solo quella di confluire in Futuro e Libertà. A Como i consiglieri liberal del Pdl a Palazzo Cernezzi, scontenti dell'amministrazione del sindaco Stefano Bruni, da una parte strizzano l'occhio al nuovo gruppo di Gianfranco Fini...

L'opzione non è solo quella di confluire in Futuro e Libertà. A Como i consiglieri liberal del Pdl a Palazzo Cernezzi, scontenti dell'amministrazione del sindaco Stefano Bruni, da una parte strizzano l'occhio al nuovo gruppo di Gianfranco Fini, dall'altra ipotizzano di creare una lista civica che appoggi FLI senza però entrarne a far parte in modo diretto. Ovviamente c'è una terza via: quella di restare dove sono, nel Pdl, e dimenticare ogni progetto di distacco dal partito di Berlusconi, restando così nel primo gruppo di maggioranza del consiglio comunale di Como.

Si tratta di un'indiscrezione trapelata dai corridoi del municipio dove in queste ultime settimane si susseguono colloqui privati (talvolta segreti) per tirare i fili e sondare le disponibilità dei consiglieri. Il tutto in stretta relazione con gli incontri a più alto livello che si stanno svolgendo a Milano.

L'ipotesi lista civica non è però vista da tutti i liberal con buon occhio. Difficile, infatti, pensare che il punto di riferimento dei liberal, il consigliere regionale del Pdl Gianluca Rinaldin, da sempre un convinto berlusconiano, possa spingere in tale direzione.

Non resta che attendere gli sviluppi a livello nazionale. Solo quando la situazione sarà chiarita a livello romano si potrà sapere se ci saranno ripercussioni a livello locale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scissione Berlusconi-Fini, a Como spunta l’ipotesi lista civica

QuiComo è in caricamento