rotate-mobile
Politica

Dopo quasi 2 anni riecco le Sardine: attacco a Minghetti

Tornano nell'agone politico creando malumori nel centrosinistra

Esattamente due anni fa le Sardine scendevano in piazza a Como. La pandemia, però, ha spazzato via ogni possibilità di organizzare le manifestazioni che le hanno rese famose. Il covid è quanto di più antitetico al concetto di "sardine", strette e ammassate l'una vicino alla'ltra. Le norme anti-covid non ammettono assembramenti, ma è ancora possibile espreimere le proprie idee ele Sardine di Como oggi, dopo quasi due anni, decidono di tornare sulla scena e lo fanno con decisione, a supporto di quella parte di centrosinistra (o sinistra?) di Como che non vede di buon occhio la candidatura di Barbara Minghetti. "Ci teniamo sin da subito a ribadire che non è nostra intenzione esprimere alcun giudizio sulla donna, la professionista e la persona - si legge nella nota stampa diffusa dalle Sardine di Como - ma ci teniamo a sollevare quattro aspetti politici che non possiamo ignorare. Barbara Minghetti è stata eletta nel 2017 in consiglio comunale. Aveva l’occasione lì di svolgere un ruolo politico. La sua presenza è stata invece discontinua e sottotono. Sarebbe stato più corretto non candidarsi, se i suoi impegni di lavoro non le permettevano di frequentare il consiglio comunale con l’assiduità che tale incarico prevede".

Cosa ancora più importante per le Sardine sarebbe il fatto che "Barbara Minghetti ha dimostrato, le poche volte in cui è stata presente in consiglio, una distanza molto marcata con i temi comuni e condivisi del centro-sinistra come la contrarietà privatizzazione degli asili comunali e  la pluralità d’offerta culturale a Como pensando di poterla privatizzare con il progetto della Fondazione Villa Olmo, – unica mozione presentata come prima firmataria in 5 anni". 
Insomma, dal modo in cui le Sardine tornano nell'agone politico è lecito affermare che il loro sia un fermo supporto a quelle forze politiche di centrosinistra che esprimono perplessità e critiche sulla candidatura di Minghetti:  "Crediamo sia opportuno inoltre sottolineare come non proprio elegante - rincarano la dose le Sardine nella nota stampa - sia stata la gestione di palesi conflitti d’interesse. Barbara Minghetti ha approvato, votando, dei bilanci del comune di Como dove si ratificavano fondi per 65mila euro a favore AsLiCo dove lei stessa è anche nel consiglio d’amministrazione. Abbiamo vissuto sulla nostra pelle, con il sindaco Mario Landriscina, cosa significa scegliere un professionista con poca o nessuna esperienza politica. Non possiamo commettere il medesimo errore. Noi non siamo il centro-destra anche se qualcuno vorrebbe il contrario".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo quasi 2 anni riecco le Sardine: attacco a Minghetti

QuiComo è in caricamento