Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Fusione tra comuni: Cernobbio, Moltrasio e Carate dicono no

Approvata, invece, in Val d'Intelvi la nascita del nuovo paese

Cernobbio

No alla fusione in un unico maxi comune.

I cittadini di Cernobbio, Moltrasio e Carate Urio hanno votato NO alla nascita di un nuovo grande paese che riunisse i tre comuni del lago.

Domenica 22 ottobre 2017, in concomitanza con il referendum regionale per l'autonomia, in provincia di Como i cittadini di 9 paesi sono andati alle urne anche per pronunciarsi sul progetto di fusione.

I residenti di Cernobbio, Moltrasio e Carate Urio, quelli di Albiolo, Rodero e Valmorea e quelli di San Fedele, Casasco e Castiglione d'Intelvi sono stati chiamati a esprimersi sul futuro del proprio comuni.

Cernobbio, Moltrasio e Carate Urio

A Cernobbio il NO ha raggiunto il 64,88%, il si solamente il 35,12.

L'affluenza è stata del 45,65%.

Ha prevalso il no anche negli altri due comuni del Lario interessati dalla fusione, ovvero Moltrasio e Carate Urio.

A Carate i NO sono stati 389, i SI 256.

"Il risultato è stato netto sui tre comuni - ha commentato il sindaco di Cernobbio Paolo Furgoni-  è la volontà delle persone, vuol dire che i tempi non sono maturi sul nostro territorio per questo tipo di fusione. Ne prendo atto - ha continuato- anche se continuo a pensare che quella della fusione sia comunque la prospettiva per il futuro, è solo una questione di tempo. Se nel progetto ci fosse stata anche Maslianico avrebbe avuto un peso diverso".

San Fedele, Castiglione, Casasco

Si alla fusione, invece, in Val d'Intelvi, dove i cittadini di San Fedele, Castiglione e Casasco hanno approvato l'accorpamento in un unico maxi comune che si chiamerà Centro Valle Intelvi, come è stato deciso dalla maggioranza dei votanti.

A San Fedele su 830 votanti, i SI sono stati 683, i NO 145 (2 le schede bianche). 

A Castiglione su 600 votanti, i SI sono stati 373, i NO 221(6 le schede bianche)

Albiolo, Rodero e Valmorea

Bocciata, di fatto, anche l'unificazione di Albiolo, Rodero e Valmorea, anche se il pronunciamento finale spetta alla Regione.

Hanno detto SI alla fusione i cittadini di Valmorea (711 schede per il si, 651 per il no) e di Rodero (su 658 votanti, i si sono stati 346, i no 309, 3 le schede bianche), NO quelli di Albiolo.

Le indicazioni di Regione Lombardia erano che per approvare la fusione dovesse prevalere il SI in tutti i comuni coinvolti nel progetto. 
Adesso i risultati verranno proclamati dalla Corte d'Appello di Milano, poi la palla passerà alla Regione cui spetterà la decisione definitiva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusione tra comuni: Cernobbio, Moltrasio e Carate dicono no

QuiComo è in caricamento