Politica Dongo

Raduno neofascista sul Lago di Como: i 5 Stelle presentano interrogazione al Ministro Piantedosi

“Derive pericolose e rischi per l’ordine pubblico”

Inevitabile strascico politico dopo il raduno neofascista sul lago di Como. Bruno Marton, insieme a molti senatori del M5S, ha depositato un’interrogazione indirizzata al Ministro dell’Interno Piantedosi per evitare il rischio che si verifichino incidenti ma anche per sensibilizzare le istituzioni sulle pericolose derive della manifestazione. Così il Senatore Marton: “I comportamenti dei partecipanti, spesso in divisa squadrista, hanno sempre espresso senza equivoci la volontà di propaganda del fascismo con gesti e cori palesemente contrari a quanto previsto dall’articolo 48 della Costituzione Italiana”. “Serve chiarezza su quale siano le azioni che il Ministro dell’Interno intenda mettere in campo per affrontare tale deriva, è inaccettabile che a distanza di decenni dall’epoca più buia della nostra storia ci sia ancora qualcuno che rimpianga quei tempi. Serve una chiara condanna verso il fascismo”.

Sul tema interviene anche Raffaele Erba, coordinatore provinciale del MoVimento 5 Stelle Como: “L’ANPI, i sindacati e tante altre associazioni hanno programmato una contromanifestazione legittima a Dongo e Giulino di Mezzegra, anche noi come Movimento 5 Stelle saremo presenti con una nostra delegazione. Assurdo che ancora oggi ci sia chi si sente fiero di inseguire il fascismo e ideologie pericolose per la nostra democrazia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raduno neofascista sul Lago di Como: i 5 Stelle presentano interrogazione al Ministro Piantedosi
QuiComo è in caricamento