Mercoledì, 23 Giugno 2021

Tra fischi e proteste il Pgt di Cantù incassa il primo sì in consiglio comunale

Cantù. Il Comune di Cantù, tra fischi e polemiche,  adotta il Pgt. Non si tratta di un’approvazione definitiva, ma soltanto di un primo passo compiuto verso questa direzione. La seduta si era preannunciata piuttosto movimentata e le attese sono...

Cantù. Il Comune di Cantù, tra fischi e polemiche, adotta il Pgt. Non si tratta di un’approvazione definitiva, ma soltanto di un primo passo compiuto verso questa direzione. La seduta si era preannunciata piuttosto movimentata e le attese sono state rispettate. Non sono mancate le contestazioni e i fischi dentro l’aula e fuori l’aula. Poco prima dell'inizio del consiglio, infatti, alcuni striscioni di protesta sono stati affissi davanti l’aula. Per evitare la contestazione, è intervenuta sul posto la polizia locale. Il consigliere comunale Claudio Bizzozero (guarda il video), è intervenuto rivendicando la paternità dello striscione. Dopo questa prima fase di concitazione, la seduta è stata ufficialmente aperta.

Polemica sulla trasparenza - Durante le dichiarazioni preliminari, alcuni consiglieri hanno chiesto la parola: Bizzozero (Lavori in Corso), Tremonti (lista Tremonti), Spinelli (PD), Bruccoleri (PD), Brianza (Lega Nord), Pellizzoni (Lavori in Corso). I consiglieri Bizzozero, Tremonti, Spinelli e Pellizzoni, hanno chiesto formalmente al presidente del consiglio comunale, Davide Frigerio, di ammettere le telecamere di Quicomo.it alla seduta: “Se il regolamento non lo prevede, non vuol dire che lo vieta”, argomenta Bizzozero, chiedendo che la risposta del presidente Frigerio venga messa a verbale. Spinelli: “Ancora una vola si è persa l’ennesima occasione di dimostrare trasparenza”. Pellizzoni: “Chiedo, a titolo personale, di essere ripreso”. Il Presidente Frigerio: “Non essendoci norme e procedure da seguire non possiamo ammettere le telecamere. Naturalmente, nessuno vieta ai giornalisti di seguire o scattare foto”. Tremonti, riallacciandosi alle argomentazioni dei consiglieri precedenti: “Non è il caso di arroccarsi su queste posizioni. Siamo onesti, perché dobbiamo vietare le riprese? E’ un segnale di apertura verso i giovani. Forse, se l’emittente avesse chiesto il permesso 15 giorni fa, i capigruppo avrebbero potuto decidere il da farsi”.

Preentato il PGT - Concluse le dichiarazioni preliminari con questo fuori programma del tutto inaspettato, si è passati ad approvare l’unico Ordine del Giorno: l’adozione del Pgt. La relazione preliminare è stata letta dal sindaco Tiziana Sala. Durante la lunga relazione, il sindaco ha precisato alcuni punti fondamentali e ha aperto ufficialmente il consiglio. Sostanzialmente ha dichiarato: “Il Pgt, dovrà essere approvato entro il 31 dicembre 2012. In Lombardia sono solo 688 i Comuni che hanno adottato il Pgt. Anche se con ritardo, sono stati rispettati gli 8 punti del mandato elettorale. Il recupero edilizio previsto dal Pgt sarà compatibile con il territorio canturino e sarà attuato nel rispetto dei piccoli artigiani. Il piano dei servizi, terrà conto anche del verde, sia pubblico (parchi, spazi verdi, ecc), che privati. Abbiamo cercato di tenere conto delle esigenze dei grandi e dei piccoli proprietari. Inoltre, 6 mila metri quadri in zona Fecchio saranno utilizzati per il recupero del parco sovracomunale. Non abbiamo la presunzione di credere che questo Pgt sia perfetto, ma pensiamo che grazie all’aiuto di tutti possa essere migliorabile”. Subito dopo, l’assessore all’urbanistica Alessandra Tabacco: “Questa è una serata importante per la città di Cantù. il Pgt disegna il futuro urbanistico della città. Ho la convinzione di avercela messa tutta. Abbiamo dato risposte a chiunque ce le abbia chieste. A nostra volta, abbiamo avuto riscontri positivi dal mondo economico e sociale. Il Pgt forum, ad esempio, è stato pensato per far capire questo documento così complesso alla gente. Il riscontro ottenuto è stato positivo. Il fatto di aver impiegato così tanto tempo per la redazione finale del Pgt non vuol dire niente, perché per realizzare un documento così difficile ci vuole del tempo. Rispetto ai 200 mila metri quadri che la Provincia ci consentiva di utilizzare, noi ne abbiamo consumato solo la metà. E abbiamo tenuto conto delle esigenze ambientali”. (a questo punto, l’assessore Tabacco è stato pesantemente fischiato). Subito dopo l’intervento dell’assessore Tabacco, sono intervenuti in aula i professionisti che hanno stilato la relazione tecnica: L’architetto Enrico Cambiaghi, Architetto Giovanni Viganò e l’architetto Franco Bessi. (I tre professionisti sono stati fischiati al loro ingresso in aula).

Le critiche e i fischi - Subito dopo la presentazione degli architetti, Bizzozero interviene ironizzando“ E’ mia personale convinzione che questo Pgt, considerando i tempi a disposizione, non sarà mai approvato definitivamente. Ne approfitto per ringraziare il Sindaco e l’assessore Tabacco per aver portato stasera in approvazione il Pgt, così è stata aperta ufficialmente la campagna elettorale. 1 milione di euro è il costo di questo Pgt: spropositato per questa città. Assessore Tabacco, la ringrazio per il suo contributo, soprattutto in campo ambientale. Vent'anni di governo leghista hanno significato questo per la città di Cantù. Questa corsa all’adozione è soltanto un modo per cercare vantaggi elettorali e forse personali. La città è diventata più brutta. La lega ha vomitato cemento sulla città. E’ questa sera che misuriamo l’incorruttibilità della lega. Dopo aver criticato aspramente il potere di Roma, si è comportata peggio degli altri partiti. Paolo Sala (P.D.L): “Insieme a tutto il P.d.l. condividiamo questo documento in toto”. Tremonti: “Non ho mai visto tanta gente in aula questa sera. In questi anni ho recitato la parte del litigio con mio fratello, ora che non è più ministro posso svelarvi la verità. Noi siamo in buoni rapporti. Io non ho mai votato le questioni urbanistiche, tranne per la demolizione del palazzetto, ma questo Pgt non significa niente”. Natale Galetti (Lega nord): “Bizzozero ha aperto la campagna elettorale con le sue movenze teatrali. Non posso negare che ci siano state in fase di gestazione dei momenti di tensione”. Luca Delfinetti (Indipendente): “Tanti errori formali sono stati compiuti, errori che verranno sollevati nelle sedi opportune. Questo Pgt non vedrà mai la luce. Penso che si stia abusando dell’intelligenza del canturino. Davvero c’è la necessità di costruire nuove abitazioni quando ci sono tantissimi appartamenti invenduti? La decisione del P.d.l. è comprensibile, quella della Lega è incoerente”. Giuliano Cappelletti: “E’ una serata straordinaria per questa maggioranza perché oggi verrà approvato il Pgt”. Alessandro Brianza (Lega Nord): “Il lavoro ereditato dall’assessore Tabacco è stato difficile. Però bisogna limitare l’urbanizzazione delle aree vergini”. Vittorio Spinelli (PD): “Siete ormai arrivati alla frutta. Non vogliamo essere presenti a questa seduta”. A questo punto, il gruppo consiliare del PD lascia l’aula. Wolfango Masocco (P.d.l.): “Non potete attribuire alla maggioranza soltanto malafede. Questa cifra che voi dite (1 milione di euro di costi), tende a ridursi. I 350 mila euro che sono stati spesi per lo studio del Pgt mi sembra tutto sommato in linea”. (Masocco è pesantemente contestato).

Le dichiarazioni di voto - Carmine Forcella (Gruppo Misto indipendente), favorevole. Bizzozero (Lavori in corso), contrario.

Tremonti (lista Tremonti), contrario “pareggio i conti con il voto favorevole dato per la distruzione del palazzetto dello sport”.

Masocco (P.d.l.), favorevole. Natale Galetti (Lega Nord), favorevole.

Il risultato finale - Con 16 voti favorevoli, 8 contrari e 0 astenuti, il Pgt viene adottato dal Consiglio Comunale di Cantù.

Hanno votato a favore tutti i consiglieri del P.d.l. (tranne Davide Tagliabue, il quale non ha potuto votare per incompatibilità), il gruppo misto indipendente e la Lega Nord. Va precisato, però, che il consigliere Franca Marelli della Lega era assente e il consigliere Alessandro Brianza non ha votato.

Hanno votato contro il gruppo di “Lavori in Corso”, l’indipendente Luca Delfinetti e Angiola Tremonti della Lista Tremonti. Il PD ha ritirato la propria presenza, quindi non ha votato.

Durante la proclamazione di voto, i giovani della lista “Cantù Rugiada” hanno espresso in maniera piuttosto colorita, il proprio dissenso. Urla, fischi e slogan hanno accompagnato la fase finale del Consiglio.
Si parla di

Video popolari

Tra fischi e proteste il Pgt di Cantù incassa il primo sì in consiglio comunale

QuiComo è in caricamento