Protesta contro il sindaco: "Servono bagni pubblici aperti sempre"

Presidio e cori davanti al Comune per riaprire le toilette di via Sirtori e Piazza Vittoria

Un piccolo ma tenace presidio di manifestanti si è svolto nella sera di mercoledì 8 luglio 2020 davanti all'ingresso prinmcipale del Municipio di Como. I militanti e simpatizzanti delle associazioni impegnate nel sociale e nell'accoglienza dei migranti e dei senzatetto si sono riuniti per chiedere a gran voce (nel vero senso della parola) che l'amministrazione comunale renda disponibili 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 i bagni pubblici di via Sirtori e piazza Vittoria.

protesta bagni 3-2

Il sindaco di Como, Mario Landriscina, ha acconsentito a incontrare una piccola delegazione dei manifestanti nel cortile del Comune. Fuori dai cancelli i partecipanti alla protesta hanno però chiesto che il primo cittadino uscisse per parlare a tutti.
La richiesta di riaprire le toilette vuole essere un'iniziativa che punta a offrire ai senza fissa dimora punti in cui poter soddisfare almeno i bisogni fisiologici e permettere di rinfrescarsi e lavarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Valduce, la ragazza sul tetto dell'auto che cerca la mamma

Torna su
QuiComo è in caricamento