Politica

Proposta in consiglio comunale: "Impronte digitali ai migranti ospitati nei container"

C'è Alessandro Rapinese dietro questa ennesima proposta destinata a far discutere (e non poco) l'aula del consiglio comunale di Palazzo Cernezzi. Il consigliere comunale di Adesso Como ha predisposto una mozione che verrà depositata domani mattina...

container-1set16

C'è Alessandro Rapinese dietro questa ennesima proposta destinata a far discutere (e non poco) l'aula del consiglio comunale di Palazzo Cernezzi. Il consigliere comunale di Adesso Como ha predisposto una mozione che verrà depositata domani mattina e discussa in una delle prossime sedute consiliari. La mozione, se approvata, impegnerà sindaco e giunta "al fine di poter escludere con certezza che a Como si stia dando ospitalità a possibili criminali, a fare pressioni sulla Prefettura affinché il regolamento del campo di accoglienza di via Regina Teodolinda non preveda alcuna forma di ospitalità per chi non si sia fatto identificare con impronte digitali".

Il documento proposto da Rapinese prende le mosse, infatti, dalla premessa "che il regolamento del campo di accoglienza voluto da sindaco e prefetto in via Regina Teodolinda 40, campo di accoglienza dedicato ai clandestini o stranieri che hanno abbandonato i programmi di assistenza loro dedicati, prevede la possibilità di accesso anche a persone che si siano rifiutate di fornire le proprie impronte". digitali;
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proposta in consiglio comunale: "Impronte digitali ai migranti ospitati nei container"

QuiComo è in caricamento