Venerdì, 25 Giugno 2021
Politica

Posteggi illegittimi, il Comune si oppone alla sentenza del giudice

La giunta del Comune di Como si opporrà alla sentenza del giudice di pace che ha dato ragione a un cittadino multato per non avere pagato il parcometro in viale Varese. L'amministrazione comunale ha commentato la sentenza e ha annunciato...

Posteggi in viale Varese

La giunta del Comune di Como si opporrà alla sentenza del giudice di pace che ha dato ragione a un cittadino multato per non avere pagato il parcometro in viale Varese. L'amministrazione comunale ha commentato la sentenza e ha annunciato l'impugnazione della decisione del giudice.

Nella nota stampa diffusa in serata Palazzo Cernezzi comunica:

L'amministrazione comunale prende atto della decisione del giudice di pace ma non può non rilevare che essa è contrastante con tutte le precedenti decisioni del Giudice amministrativo che ha scrutinato in via diretta e non incidentale, come il Giudice di Pace, la deliberazione di che trattasi. In pratica, il Giudice amministrativo, che ha la competenza a valutare la legittimità degli atti, non ha mai messo in dubbio la validità della deliberazione comunale.

La sentenza verrà immediatamente impugnata innanzi all'autorità giudiziaria competente: essa, per altro, vale solo per quel "caso concreto". Quindi, non è "sintomatica" di alcunché ovvero non costituisce presupposto e non garantisce esito analogo in altre circostanze.

L'assessore alla Mobilità Daniela Gerosa dichiara la sua sorpresa per la motivazione della sentenza: "Dopo le due sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, che davano ragione alla linea del nostro Ufficio Legale, ora il Giudice di Pace mette in dubbio la validità di atti del Comune, cosa che non era stata sollevata dagli altri organi. Inoltre, in zona A, secondo il Codice della Strada, non trova applicazione la previsione di riservare zone bianche. Ci riteniamo nel giusto e ricorreremo, andando a fondo nella questione."
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posteggi illegittimi, il Comune si oppone alla sentenza del giudice

QuiComo è in caricamento