Martedì, 26 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pasticcio della giunta Lucini, tre serate per la delibera sulle nomine nelle partecipate

La prima vera delibera presentata dalla giunta del sindaco Mario Lucini è stata tutt'altro che una passeggiata. Nonostante la compattezza della maggioranza di centrosinistra, i lavori del consiglio comunale non sono stati affatto veloci e spediti...

La prima vera delibera presentata dalla giunta del sindaco Mario Lucini è stata tutt'altro che una passeggiata. Nonostante la compattezza della maggioranza di centrosinistra, i lavori del consiglio comunale non sono stati affatto veloci e spediti, anzi, si sono rese necessarie tre serate e l'approvazione di 6 emendamenti e 2 subemendamenti prima che fosse approvata la delibera che sancisce gli indirizzi per "la nomina, la designazione e la revoca dei rappresentanti del Comune presso Enti, aziende e istituzioni". Una delibera, come si intuisce facilmente, molto importante dal punto di vista politico poiché fissa i paletti entro i quali la nuova amministrazione, e per la precisione il sindaco Lucini, può attuare il consueto spoils system. Si tratta della consuetudine secondo la quale una nuova amministrazione comunale sceglie le persone da collocare nelle posizioni di nomina sindacale, per esempio nei cda di società partecipate o in altri Enti o fondazioni. Un esempio? La nomina di Umberto D'Alessandro prima alla presidenza poi alla vicepresidenza di Acsm-Agam firmata dall'ormai ex sindaco di Como Stefano Bruni.

La delibera è stata approvata con 19 voti favorevoli, 3 astenuti e un voto contrario. Nel dettaglio, ha votato a favore tutta la maggioranza (assenti Italo Nessi di Como Civica e Marco Servettini di Amo la mia città); astenuti Alessandro rapinese e Ada Mantovani di Adesso Como e Mario Molteni della lista Per Como; contrario Luca Ceruti di Movimento 5 Stelle (assenti tutti gli altri consiglieri di opposizione). Per arrivare a questa approvazione la delibera è passata attraverso diversi "pasticci" attribuibili in parte alle carenze del testo presentato dall'assessore Marcello Iantorno e in parte a una gestione non proprio lineare dell'aula che ha portato più di un consigliere di opposizione a criticare apertamente presidente del consiglio comunale Franco Fragolino per la conduzione dell'assemblea. In un caso addirittura un emendamento è stato votato due volte (nel mezzo delle due volte è stato approvato un subemendamento). A testimoniare le carenze del testo orginale della delibera c'è stato un maxi emendamento di due pagine presentato dalla maggioranza che ha suggerito correzioni a ben 9 dei 12 articoli che compongono gli indirizzi per le nomine.

Un altro fuoriprogramma si è verificato quando Alessandro rapinese ha chiesto la parola per fatto personale per replicare a un intervento di Stefano Legnani (PD). Il presidente Fragolino non ha concesso la parola a Rapinese il quale è uscito dall'aula in forte polemica. La questione, però, non è caduta lì e dopo pochi minuti due interventi rispettivamente di Mario Molteni e Ada Mantovani, in difesa di Rapinese, hanno risollevato la questione del diritto di Rapinese a Parlare. Dopo varie interpretazioni del regolamento del consiglio comunale è stato concesso a Rapinese di parlare, ma nel frattempo erano volati altri 20 minuti.

Uno dei numerosi nodi sui quali si è dibattuto riguarda la durata in carica delle nomine: la delibera ha posto un limite di due mandati, mentre il Pdl, in particolare il consigliere Enrico Cenetiempo, ha osservato che "non si capisce perché si debba togliere a una persona che ha amministrato bene la possibilità di continuare a fare altrettanto per più di due mandati".

Si parla di

Video popolari

Pasticcio della giunta Lucini, tre serate per la delibera sulle nomine nelle partecipate

QuiComo è in caricamento