Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Nuova Ztl di Como, i consiglieri di maggioranza sostengono il sindaco

“Visto che Lucini ha le cuffie dell’ipod nelle orecchie e sente solo la Gerosa, la manifestazione di lunedì è dedicata ai consiglieri di maggioranza che volendo possono prendere le distanze dal loro sindaco – ha dichiarato Alessandro Rapinese...

"Visto che Lucini ha le cuffie dell'ipod nelle orecchie e sente solo la Gerosa, la manifestazione di lunedì è dedicata ai consiglieri di maggioranza che volendo possono prendere le distanze dal loro sindaco - ha dichiarato Alessandro Rapinese (Adesso Como), il consigliere comunale di opposizione che sta guidando la protesta dei commercianti - Da martedì non ci saranno più scuse neanche per loro".

I commercianti di Como sembrano aver individuato un nuovo interlocutore a Palazzo Cernezzi: i consiglieri di maggioranza. La protesta di lunedì 24 febbraio sarà infatti dedicata a loro. La nuova iniziativa, sempre coordinata da Rapinese, partirà alle 20.15 da Palazzo Cernezzi in concomitanza del consiglio comunale. A tutti i partecipanti saranno distribuiti dei lumini rossi, il gruppo si sposterà poi verso piazza Roma dove le candele verranno accese per simboleggiare la morte del centro storico e delle attività commerciali che, secondo i negozianti, sarà l'inevitabile conseguenza dell'entrata in vigore della nuova Ztl.

I consiglieri di maggioranza, dal canto loro, sembrano fare fronte comune intorno al sindaco e alla sua giunta. Il più vicino alla protesta dei commercianti è Giacchino Favara, consigliere del PD, che già a suo tempo aveva mostrato di essere abbastanza in disaccordo con Lucini e il resto della maggioranza in merito alla Ztl: "All'interno del gruppo sono l'unico che a suo tempo ha protestato e uno dei pochi che non ha condiviso questa scelta. Sentimentalmente sono vicino ai commercianti ma politicamente sono con il mio gruppo". All'interno della maggioranza c'è chi sta pensando, al di là della protesta, a nuovi modi per ripensare alle zone che dovranno essere riqualificate. Marco Tettamanti (Como civica) sta organizzando un incontro, per la precisione è il quarto in questi mesi, per ripensare al futuro di piazza Roma: "Stiamo organizzando un laboratorio di idee per ripensare al futuro di piazza Roma e a come riorganizzare questo spazio che dev'essere, a mio avviso, liberato dalle auto. Condivido la decisone presa dalla giunta in merito alla Ztl e sono convinto che il vero riscontro lo avremo solamente quando la piazza verrà riqualificata". In linea con il sindaco e le sue decisioni anche Stefano Legnani, capogruppo del PD: "Rispettiamo la manifestazione e capiamo le difficoltà dei commercianti. Non credo però si debba tornare indietro e in questo c'è una posizione unitaria nella maggioranza". Dispiaciuto per la situazione che si sta creando anche il consigliere di "Amo la mia città" Marco Servettini: "Sono certo che anche se avessimo posticipato l'entrata in vigore della nuova Ztl la protesta ci sarebbe comunque stata. Difendo la scelta del sindaco e voglio sottolineare che molte città europee stanno seguendo questa strada".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Ztl di Como, i consiglieri di maggioranza sostengono il sindaco

QuiComo è in caricamento