Politica

"Mostra Villa Olmo fallimento: ridurre il compenso del curatore"

Dopo che sono stati resi pubblici i risultati della grande mostra di Villa Olmo, organizzata dall'assessore alla Cultura Luigi Cavadini, si sono accese le critiche. Il risultato finale in termini di visitatori è stato poco meno di 17mila. Subito...

gioacchino-favara

Dopo che sono stati resi pubblici i risultati della grande mostra di Villa Olmo, organizzata dall'assessore alla Cultura Luigi Cavadini, si sono accese le critiche. Il risultato finale in termini di visitatori è stato poco meno di 17mila. Subito l'opposizione in consiglio comunale di Como ha espresso le sue forti critiche e accuse all'assessore e al sindaco Mario Lucini. Ora anche dai banchi della maggioranza c'è chi parla di fallimento. E' Gioacchino Favara (nella foto), consigliere comunale del PD, che ha deciso di lanciare una proposta: tagliare il compenso previsto per Marco De Michelis, il curatore della mostra "La Città nuova oltre Sant'Elia".

"Siccome la mostra è stata obiettivamente un fallimento - commenta Favara - e ha generato una perdita stimata in circa 200mila euro, ritengo che sarebbe giusto non corrispondere l'intero compenso al curatore ma ridurlo in modo proporzionale alla riduzione degli incassi rispetto alla cifra di biglietti che il curatore e l'assessore avevano stimato di vendere". In conferenza stampa di presentazione della mostra Cavadini aveva previsto circa 50mila i visitatori della mostra che, invece, sono stati 16.957. Il compenso previsto per il curatore è di 35mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mostra Villa Olmo fallimento: ridurre il compenso del curatore"

QuiComo è in caricamento