Politica

Molteni fuori dalla maggioranza? Il sindaco: "Faccia chiarezza"

Caso politico a Palazzo Cernezzi. Il consigliere comunale di Lista Per Como, Mario Molteni, ha votato contro il bilancio di previsione 2013. Il PD è intervenuto con un comunicato stampa in cui ha espresso valutazioni e perplessità riguardo la...

Caso politico a Palazzo Cernezzi. Il consigliere comunale di Lista Per Como, Mario Molteni, ha votato contro il bilancio di previsione 2013. Il PD è intervenuto con un comunicato stampa in cui ha espresso valutazioni e perplessità riguardo la presenza di Molteni in maggioranza. Il sindaco Mario Lucini, in effetti, chiede al consigliere di "fare chiarezza" sulla sua reale posizione in consiglio comunale. Molteni, da parte sua, afferma che "in questa maggioranza non c'è dialogo". Va ricordato che Molteni è entrato in maggioranza nonostante sia stato eletto all'opposizione in quanto ha votato, all'insediamento di Lucini, le linee programmatiche dell'amministrazione del nuovo sindaco.

Il sindaco: "Molteni chiarisca"

Il sindaco Lucini non si è detto sopreso del voto contrario di Molteni: "Mi ha sorpreso rispetto alla dichiarazione di voto che ha fatto, che non mi sembrava prefigurare un voto contrario. Ma se guardo a molte votazioni passate non mi ha sorpreso. Ad ogni modo credo che un po' di chiarezza vada fatta. Credo che Molteni debba fare chiarezza sia con il resto della maggioranza che con l'opposizione e il suo gruppo. Ho notato che oltre che partecipare, giustamente, agli incontri di maggioranza, partecipa anche agli incontri dell'opposizione, soprattutto durante le sospensioni del consiglio comunale. Questo fatto è curioso. Credo che ci debbano essere dei chiarimenti".

mario-molteniMolteni: "Troppi muri in maggioranza"

Molteni ha spiegato la sua posizione rispetto alla maggioranza: "Il mio ingresso in maggioranza è stato un fatto tecnico, un effetto dello statuto che pone in maggioranza i consiglieri che approvano le linee programmatiche del sindaco. Ma come parte attiva non siamo mai stati rappresentati in giunta da questa maggioranza. Se mi ritengono fuori dalla maggioranza, e mi riferisco soprattutto al PD e al suo capogruppo Stefano Legnani, non c'è problema, basta che ce lo dicano. Io e il mio movimento abbiamo sempre pensato a lavorare in modo collaborativo per la città e questa è la nostra unica preoccupazione. per questo se l'opposizione mi chiede il dialogo io non mi tiro indietro e vado ai loro incontri. Il dialogo, però, non lo vedo in maggioranza dove le proposte di Lista Per Como non vengono mai accolte. Si stanno alzando troppi muri non solo nei confronti dell'opposizione, ma anche all'interno della maggioranza stessa. Quanto al bilancio, ho sempre garantito la mia presenza per assicurare il numero legale qualora un consigliere di maggioranza fosse assente, ma ho votato contro perché non rispetta le linee programmatiche. Non mi risulta che nelle linee programmatiche di Lucini che ho votato a inizio mandato fosse contemplata l'alienazione di parte del patrimonio della città, come ad esempio le farmacie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molteni fuori dalla maggioranza? Il sindaco: "Faccia chiarezza"

QuiComo è in caricamento