Tornare in Comune dopo l'esperienza da ministro? Locatelli dice no, il sindaco non si sbilancia

"Non sarebbe giusto che venisse messo da parte qualcuno per farmi rientrare in giunta"

Per il ministro alla Famiglia, la comasca Alessandra Locatelli, Palazzo Cernezzi non ha le porte girevoli: una volta lasciato l'incarico da assessore e vicesindaco per dedicarsi completamente all'esperienza di Governo non c'è possibilità che tporni indietro. A dichiararlo con fermezza è stata lei stessa in occasione dell'inaugurazione della Fiera del Libro in piazza Cavour. A domanda diretta, fianco a fianco con il sindaco Mario Landriscina, ha detto che "se dovesse terminare la mia esperienza da ministro non c'è possibilità che io torni a Como per ricoprire un ruolo in Comune. Non sarebbe neanche giusto nei confronti di altre persone costringerle a farsi da parte per permettermi di ritornare. Se dovesse formarsi un nuovo governo mi decicherò al centro per cento al mio ruolo da parlamentare".

La domanda - se fosse possibile un suo ritorno in Comune qualora non fosse più ministro - sebbene fosse rivolta sia a lei che al sindaco, non ha sortito una vera e propria risposta da Landriscina che ha guardato Locatelli lasciando che fosse lei ad esprimersi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e sul lago

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento