Giovedì, 28 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maroni a Cantù per le elezioni: "Molteni vincerà al primo turno"

Roberto Maroni a Cantù per sostenere la candidatura a sindaco di Nicola Molteni ribadisce: "Nessun appoggio al Pdl neanche a un eventuale ballottaggio. Loro se ne sono andati. Per noi al momento l’alleanza è chiusa”. Parola di Roberto Maroni, l’ex...

Roberto Maroni a Cantù per sostenere la candidatura a sindaco di Nicola Molteni ribadisce: "Nessun appoggio al Pdl neanche a un eventuale ballottaggio. Loro se ne sono andati. Per noi al momento l’alleanza è chiusa”. Parola di Roberto Maroni, l’ex ministro dell’Internoieri sera si trovava a Cantù per sostenere e presentare la candidatura di Nicola Molteni. Chi se n’è andato è il Pdl, alleato storico della Lega. Un divorzio avvenuto, sostiene la Lega, principalmente a causa delle scelte che il partito di Berlusconi, oggi guidato da Alfano, ha deciso di compiere a livello nazionale. E di politica nazionale si è anche parlato stasera all’interno dell’aula consiliare di piazza Marconi. Maroni, infatti, ha approfittato dell’occasione per parlare del nuovo sistema pensionistico, dell’IMU, del problema sicurezza, dell’opposizione al governo Monti e del federalismo: “Non ci fermeremo fin quando la Padania non sarà libera e sovrana”, ha dichiarato Maroni.

Edgardo Arosio, commissario politico cittadino, ha aperto la serata, seguito dal segretario provinciale Cristian Tolettini e successivamente dal candidato sindaco per la Lega Nicola Molteni: “Nessuno mi ha imposto la candidatura. La mia è una scelta consapevole”, dichiara Molteni. “I nostri ex alleati hanno fatto delle scelte diverse. Su alcune idee abbiamo opinioni diverse, ad esempio sul territorio. La terra dei padri per noi è un valore da difendere e non un luogo da consumare. Non rinnego ciò che è stato fatto a Cantù. Probabilmente qualche errore è stato fatto, però non penso che Cantù sia una città degradata”, dichiara il candidato sindaco. In sala, presenti anche gli attuali alleati politici della Lega a Cantù: la lista Impronta civica di Tonino Intini e La Destra di Antonio Metrangolo, fresca di alleanza. Inoltre, Molteni ha dichiarato che presto si aggiungerà anche un’altra civica di sostegno al candidato sindaco. Anche Tiziana Sala e il candidato sindaco per la Lega a Como, Alberto Mascetti, hanno assistito all’incontro.

Si parla di

Video popolari

Maroni a Cantù per le elezioni: "Molteni vincerà al primo turno"

QuiComo è in caricamento